Cézanne a Firenze

0

Paul Cézanne - Madame Cézanne sulla poltrona rossa, 1877 ca., olio su telaTra la fine dell’Ottocento e gli inizi del secolo scorso, due giovani americani, Egisto Paolo Fabbri, appartenente ad una famiglia di immigrati italiani negli Stati Uniti, e Charles Alexander Loeser, di origine tedesca, acquistarono per le loro dimore fiorentine circa cinquanta opere di Paul Cézanne.

I due collezionisti, in controtendenza con lo spirito estetico del tempo, seppero riconoscere la grandezza del maestro francese. Grazie a loro, Firenze esercitò un ruolo importante nell’affermazione di un artista che oggi è riconosciuto come “padre della pittura moderna”, ma il cui genio innovativo non fu immediatamente compreso dalla grande critica del tempo.

La mostra Cézanne a Firenze, che sarà ospitata nelle sale di Palazzo Strozzi dal prossimo 2 marzo al 29 luglio 2007, fa riferimento, pertanto, a quella intensa stagione intellettuale che vide Firenze tra le capitali attive della cultura internazionale e si pone a sigillo delle manifestazioni celebrative dell’artista francese in occasione del centenario della sua morte.

Per la prima volta sarà possibile ammirare tutte insieme le opere più interessanti delle raccolte Fabbri e Loeser, smembrate negli anni tra le due guerre mondiali.
Prestigiosi i musei e le gallerie da cui provengono i dipinti; tra questi il Metropolitan Museum of Art di New York, la Thyssen Bornemisza Collections, la National Gallery e la Royal Academy di Londra, il Museo dell’Ermitage di San Pietroburgo, la National Gallery of Art di Washington, il Detroit Institute of Arts e le Gallerie d’Arte Moderna di Firenze e di Roma.

Saranno esposti celebri capolavori tra cui Madame Cézanne sulla poltrona rossa (che folgorò il poeta Rainer Maria Rilke, che pur non conoscendo ancora la pittura di Cézanne, ne scrisse come di un’esperienza quasi spirituale), Casa sulla Marna, Frutteto, Autoritratto con berretto, Le bagnanti.

La mostra, promossa e prodotta dall’Ente Cassa di Risparmio di Firenze, in collaborazione con la Soprintendenza Speciale per il Polo Museale Fiorentino e la Galleria d’Arte Moderna di Palazzo Pitti, è realizzata dalla Fondazione Palazzo Strozzi ed è curata da Francesca Bardazzi, nota studiosa del collezionismo di Cézanne in Italia, e da Carlo Sisi, già direttore a Palazzo Pitti della Galleria d’Arte Moderna, settore di cui è uno dei maggiori esperti.

L’esposizione sarà, inoltre, arricchita da dipinti famosi di Pissarro, Van Gogh, Sargent, Denis, Cassatt, Weir, La Farge, artisti con i quali soprattutto Fabbri era in contatto.
Il catalogo della mostra è edito da Electa.

Comments are closed.