Arachnida, il fascino segreto di ragni e scorpioni

0

Locandina Mostra ArachnidaIl Castello D’Albertis Museo delle Culture del Mondo di Genova ospita fino al 20 maggio 2007 la mostra Arachnida, il fascino segreto di ragni e scorpioni, con esposizione di aracnidi vivi. Organizzata dal Settore Musei del Comune di Genova, nasce dal desiderio molto sentito all’interno di Aracnofilia, Associazione Italiana di Aracnologia(1) di divulgare e far scoprire il misterioso mondo di questi animali. La mostra è organizzata intorno a tre  nuclei: i terrari con gli animali vivi, i pannelli didattici e la mostra fotografica.

Ragni e scorpioni, che si distinguono per le grandi dimensioni o per alcune peculiarità della loro biologia, sono presentati all’interno di teche illuminate che riproducono l’ambiente in cui l’animale vive. La mostra espone enormi tarantole tropicali, ben grandi più della mano di un uomo, ragni tessitori in grado di produrre tele più resistenti del nylon, lucenti vedove nere e grandi scorpioni del deserto; ma anche specie molto particolari e poco conosciute, come i ragni pescatori, in grado di ghermire un pesce sott’acqua, o gli amblipigi, misteriosi aracnidi primordiali dall’aspetto incredibilmente alieno.

Il visitatore, inoltre, può ammirare cartelloni con illustrazioni, che trattano tutti gli aspetti degli aracnidi, dalla morfologia, all’ecologia, alla classificazione, senza trascurare il ruolo di questi animali nell’arte, nella letteratura e nella tradizione.
Viene proposto anche un livello di lettura dedicato ai bambini e realizzato nell’ambito delle attività dei Servizi Educativi e Didattici dei Musei, in collaborazione con la Direzione Servizi alla Persona – Scuole dell’Infanzia Ca’ di Ventura e Peter Pan. I piccoli allievi di queste scuole propongono il loro immaginario sui ragni: la loro fantasia e creatività si traduce in disegni, in leggerissime ragnatele di argilla, in fantasie e pensieri, raccolti nel percorso a misura di bambino Un ragno è come il sole … solo che è nero.

L’esposizione inoltre è completata da decine di sorprendenti immagini in grande formato realizzate da Emanuele Biggi e Francesco Tomasinelli, fotografi naturalisti specializzati nei gruppi animali più trascurati e misteriosi, nonché coordinatori dell’edizione genovese di Arachnida. Le fotografie riprendono alcuni dei momenti più singolari della vita degli aracnidi: specie delle nostre latitudini, come pure tropicali,  impegnate in sorprendenti predazioni, accoppiamenti quanto mai rischiosi o in insospettabili momenti di cura della prole.

Parallelamente all’esposizione degli animali e al percorso didattico verranno presentate anche diverse iniziative divulgative, riguardanti le straordinarie qualità dei ragni (Ragni in azione) e il mito della tarantola (La vera storia della tarantella). Gli incontri in questione, tenuti da Emanuele Biggi e Francesco Tomasinelli, prevedono osservazioni dal vivo sugli ospiti della mostra e su altri esemplari presentati per l’occasione, oltre a brevi interventi con proiezioni di immagini.

La mostra è stata realizzata con il contributo del Museo Civico di Scienze Naturali “Enrico Caffi” di Bergamo che l’ha presentata al pubblico nell’estate del 2005 registrando un’affluenza record di circa 10 mila visitatori. Visto il grande successo e l’unicità dell’iniziativa, Arachnida è oggi divenuta itinerante: nell’ottobre-novembre 2006 si è spostata al Museo di Storia Naturale e del Territorio, Centro Interdipartimentale dell’Università di Pisa a Calci per poi approdare a Genova.

Attività collaterali alla mostra

Aprile:

Domenica 1 – Le Anime del Mondo, racconti, favole, canzoni e credenze popolari per esplorare la spiritualità e il sacro in natura. Lettura-spettacolo inserita nel percorso del museo con serpenti che si trasformano in arcobaleno, ragni che parlano con Dio, uccelli dalle piume d’oro che intonano melodie persiane…
Con Roberta Alloisio, Franco Minelli, Carla Peirolero, Edmondo Romano.

Domenica 15 – I superpoteri dei ragni. Partendo dal celebre uomo ragno, uno sguardo da vicino alle tante, insospettabili caratteristiche degli aracnidi, frutto di recenti scoperte. Si parlerà di ragnatele indistruttibili, cure parentali degne di un mammifero e delle capacità dei ragni nei campi della memoria e dell’analisi.
Conferenza a cura di Emanuele Biggi e Francesco Tomasinelli.

Maggio:

Domenica  13 –  Ragni in azione! Come cacciano, come si riproducono e tante altre curiosità sugli aracnidi nel corso di una visita guidata alla mostra, che ricorre a dimostrazioni con esemplari vivi, oltre a sequenze di immagini e brevi filmati.
Presentazione a cura di Emanuele Biggi e Francesco Tomasinelli.

Sabato 19 – In occasione della Notte dei Musei:
Arakhne mediterranea. Musiche e danze dal fenomeno del tarantismo salentino, a cura di Echo Art.
La vera storia della tarantella: cosa si nasconde di scientifico dietro al mito, chi sono le famose tarante del Salento? Introduzione allo spettacolo di Emanuele Biggi e Francesco Tomasinelli.


1: Aracnofilia, Associazione Italiana di Aracnologia. Nata come Associazione il 16 novembre 2003 ma già a lungo in precedenza punto di riferimento sul web per gli appassionati e gli studiosi di artropodi, ha come finalità statutarie lo studio, la valorizzazione, la tutela e la protezione del patrimonio faunistico – aracnologico italiano ed esotico, con attività di studio e di ricerca individuali e di gruppo, sia dal punto di vista eto-ecologico che corologico, con intenti gnoseologici, divulgativi e didattici. Aracnofilia promuove momenti di aggregazione ai fini della diffusione e del confronto delle conoscenze acquisite e condivisione delle esperienze maturate, organizzando convegni, congressi con valenza nazionale e internazionale, giornate di studio, attività didattiche volte al miglioramento dell’apprezzamento collettivo per gli aracnidi. Aracnofilia sostiene l’allevamento, la riproduzione e il libero scambio di esemplari nelle forme e nei modi consentiti dalle vigenti normative in materia, ai fini della raccolta di dati biologici ed etologici per la conoscenza, la valorizzazione e conservazione delle specie e dei relativi ecosistemi.

Comments are closed.