Le vite degli altri

0

Locandina film Le vite degli altriLe vite degli altri è un film intimamente politico, animato da un forte rigore etico, e capace di coniugare insieme un argomento “grave” – la questione della responsabilità morale del singolo in una società totalitaria – e un linguaggio di classica pulizia stilistica, sobrio e privo di sbavature, felicemente ignaro delle sperimentazioni avanguardistiche e della  supponenza di tanto cinema “modernista” oggi alla moda.

La riflessione sulla memoria storica (la pellicola è ambientata nella Germania comunista negli anni che precedono la caduta del muro) si sostanzia di personaggi, situazioni, scenari, vicende di una verità e densità inusuali. I personaggi, innanzi tutto: il film è popolato di figure “mediocri”, di statura non eroica, ma vive e di complesso spessore psicologico, qualificate nei loro tratti precipui. Florian Henckel von Donnersmarck, qui al suo primo lungometraggio, ha solo 33 anni, ma possiede appieno il dono raro dell’osservazione, e sa dirigere assai bene i suoi splendidi interpreti, calandoli entro un contesto ambientale filologicamente esatto: una Berlino plumbea e desolata, restituita attraverso una tavolozza di colori spenti: il grigio, l’avana, il marrone, il nero.

Il regista rivela altresì una notevole felicità inventiva e buone capacità nel gestire i tempi e la struttura del racconto. La sua storia è sorretta da un ritmo incalzante, ma non affannoso, che nulla concede a un’ansia di effetti. La struttura drammatica si articola in un duplice percorso di redenzione (il riscatto morale dell’agente della Stasi e quello dello scrittore di regime) e in una caduta (la resa di Christa-Maria ai ricatti della polizia segreta), dando corpo a un racconto di respiro ampio, entro cui la progressiva crescita del dramma sa avvalersi di una lucida impaginazione. Un racconto coraggioso e “necessario” (soprattutto in un’epoca, come la nostra, di sciagurato asservimento intellettuale alle ideologie imperanti), che ci dice del disperato bisogno di dignità dell’uomo, della sua strenua ricerca ed esigenza di integrità morale, anche quando egli è costretto a soggiacere a un potere dispotico e disumano.

Nicola Rossello

Scheda film

Titolo: Le vite degli altri
Regia: Florian Henckel von Donnersmarck
Cast: Martina Gedek, Ulrich Mühe, Sebastian Koch, Ulrich Tukur, Thomas Thieme, Hans-Uwe Bauer, Volkmar Kleinert, Matthias Brenner
Durata:  138 minuti
Genere: Drammatico
Distribuzione: 01 DISTRIBUTION
Data di uscita in Italia: 6 Aprile 2007
Oscar 2007 Miglior film in lingua straniera

Guarda il trailer

Comments are closed.