Renato Guttuso. La passione della forma

0

Renato Guttuso - Il ComizioSi sposta da Ravenna a Roma, a Palazzo Giustiniani, sede del Senato della Repubblica, parte della mostra Renato Guttuso. La passione della forma. Provenienti  dalla Fondazione Tito Balestra del Comune di Longiano, dal MAMBO di Bologna, dalla Galleria d’Arte Moderna del Comune di Cesena, dai Musei di Stato della Repubblica di San Marino e da collezionisti privati, le opere esposte, di carattere soprattutto politico-sociale, resteranno in mostra fino al 4 novembre 2007.

L’esposizione è realizzata in occasione del ventesimo anniversario della scomparsa di Renato Guttuso, avvenuta proprio a Roma nel 1987.Renato Guttuso - I Funerali di Togliatti Nell’anno di celebrazioni a lui dedicate, la curatrice Silvana Costa e l’Associazione Culturale Il Cerbero, intendono, con questa mostra, ripercorrere la vita e l’impegno artistico-politico di uno dei più grandi interpreti del secolo scorso.

Esponente di punta del dibattito sul “realismo” e sulla funzione sociale dell’arte, Guttuso è stato un punto di riferimento, per un’intera generazione, della ricerca artistica italiana ed internazionale.

A Roma sono esposti circa venti tra disegni e dipinti a olio, attraverso un percorso cronologico che si snoda dagli anni ’40 agli anni ’80.

 Renato Guttuso - L’occupazione delle terre
Accompagna la mostra la proiezione del lungometraggio “Diario di Guttuso” di Giuseppe Tornatore, un documentario costruito su un’intervista a Guttuso e dedicato al maestro, alla sua Sicilia, la stessa di Tornatore nato a Bagheria come il pittore. Il film, realizzato per la televisione con il contributo della Rai di Palermo, svela l’aspetto  più umano del grande artista.

La mostra, aperta al pubblico dal 12 ottobre 2007, è realizzata anche con il contributo della Fondazione Monte dei Paschi di Siena.

Comments are closed.