Gesualdo Bufalino – Opere 1989-1996

0

Copertina del libro di Gesualdo Bufalino, Opere 1989-1996Il secondo volume delle Opere di Bufalino contiene i romanzi della maturità stilistica dell’autore: Calende greche, Qui pro quo, Il Guerrin Meschino e Tommaso e il fotografo cieco. Accanto a questi capolavori, gli interventi saggistici e gli aforismi (nella seconda parte): Saldi d’autunno, Il fiele ibleo e Bluff di parole e gli scritti sparsi (nella terza parte), mai prima d’ora raccolti, in cui Bufalino si confronta con la fotografia, con il retaggio di Baudelaire, con il significato simbolico di Don Chisciotte.

In Appendice, inoltre, rarissimi reperti giovanili, una scelta di lettere e alcune interviste, come quella, celebre, rilasciata a Leonardo Sciascia, per “L’Espresso”, il primo marzo del 1981.

Il volume, curato da Maria Corti e Francesca Caputo, contiene i romanzi canonici del primo periodo dell’attività letteraria e saggistica del grande scrittore siciliano: Diceria dell’untore, il suo capolavoro indiscusso, Argo il cieco, Le menzogne della notte, cui si aggiungono i pezzi vari e le fulminanti analisi critiche di Museo d’ombre e di L’uomo invaso.

I lettori troveranno poi le suggestive poesie di L’amaro miele, i saggi di Cere perse e di La luce e il lutto.
Infine i geniali aforismi di Il malpensante, con i quali Bufalino stende un ponte fra l’attualità e la saggezza di vita della tradizione umanistico-rinascimentale francese.
In Appendice, il testo teatrale La panchina.

Completano il volume: la Fortuna critica e la Bibliografia.

Gesualdo Bufalino, nato il 15 novembre 1920 a Comiso, si è rivelato tardivamente al mondo letterario con il romanzo Diceria dell’untore (1981), vincitore del Premio Campiello. Il decennio successivo è caratterizzato da una frenetica attività produttiva che spazia dalla poesia (L’amaro miele, 1982) alla prosa d’arte e di memoria (Museo d’ombre, 1982), dalla narrativa (Argo il cieco, 1984; L’uomo invaso, 1986; Le menzogne della notte, 1988, premio Strega) agli elzeviri e alla saggistica (Cere perse, 1985; La luce e il lutto, 1988; Saldi d’autunno, 1990), dagli aforismi (Il malpensante, 1987) alle antologie (Dizionario dei personaggi di romanzo, 1982; Il matrimonio illustrato, 1989, in collaborazione con la moglie).
Gesualdo Bufalino muore il 14 giugno 1996, nella sua Comiso, a causa di un incidente stradale.

Scheda libro

Autore: Gesualdo Bufalino
Titolo: Opere 1989-1996
Editore: Bompiani
Collana: Classici Bompiani
Anno pubblicazione: 2007
Prezzo: € 48,00
Pagine: 1608

Comments are closed.