La Sultana Veneziana

0

La Sultana VenezianaCon il contributo dell’Istituto Italiano di Cultura di Ankara e la collaborazione dell’Università di Ankara, Facoltà di Lettere, Storia e Geografia, si svolge venerdì 7 Marzo 2008 alle ore 18.00 lo spettacolo teatrale La Sultana Veneziana, messo in scena dalla Società di Lingua e Letteratura Italiana dell’Università di Ankara.

La Sultana Veneziana è un’opera scritta da Maria Pia Pedani, docente di Storia dell’Impero Ottomano all’Università Ca’ Foscari di Venezia.
Più di vent’anni fa, la professoressa Pedani, preparando il suo primo libro, che trattava di ambasciatori ottomani, rimase colpita dalla vicenda di Hasan, rappresentante di Selim, figlio di Solimano il Magnifico, giunto per ben due volte a Venezia nel 1559 e incaricato, tra l’altro, di trovare i parenti veneziani della favorita del principe, Nur Banu.
I veneziani, pur trattandolo come un vero diplomatico, cominciarono da subito a nutrire forti dubbi sulla sua persona tanto da considerarlo, in un secondo tempo, solo un millantatore.
Nel frattempo però era cominciata a circolare la voce che Nur Banu fosse Cecilia, figlia naturale del nobile Nicolò Venier e di Violante Baffo, rapita ancora fanciulla a Corfù e portata nell’harem imperiale.
I documenti che sostenevano questa voce furono accettati senza esitazioni da uno storico del primo Novecento, Emilio Spagni. La tesi venne ripresa negli anni Cinquanta da un famoso orientalista, Ettore Rossi. Gli scritti di questi insigni studiosi avallarono così l’esistenza di una sultana veneziana. Solo nel 1992 nuove fonti, scoperte da Benjamin Arbel, attribuirono alla favorita anche un’altra identità, questa volta greca, quella di Kalì Kartánou. Da qui l’idea, per ora indimostrabile, che le due verità potessero essere in qualche modo correlate proprio tramite la venuta a Venezia dell’ambasciatore Hasan, assieme alla piena consapevolezza che solo passando dal campo della storiografia a quello della letteratura sarebbe stato possibile sostenere quest’ultima teoria.

Venti studenti/attori, coadiuvati dai loro insegnanti del Dipartimento di Italianistica, saranno i protagonisti dello spettacolo che si svolgerà nella Sala Farabi dell’Università di Ankara.

Comments are closed.