Mimmo Paladino. Opere grafiche

0

Mimmo Paladino, 2003, per De Universo di Rabanus Maurus - Serigrafia materica, polvere di quarzo, acquatinta su collage carta giapponeIl Complesso Monumentale di Santa Caterina a Finalborgo (SV) ospita dall’11 maggio al 13 luglio 2008 (inaugurazione il 10 maggio) una mostra di Mimmo Paladino dedicata al suo percorso grafico.
“L’evento – afferma Luciano Caprile, curatore della rassegna insieme a Franco Sciardelli – intende rivisitare le principali tappe creative del maestro campano a partire da alcuni grandi fogli degli anni Novanta (la serie dei tondi del 1996 dedicata ai continenti e quella del 1999 intitolata Shield) per approdare alla sequenza del Matematico del 2001 e quindi avviarci verso i nostri giorni. Nel tragitto grafico assumono una particolare importanza le immagini ispirategli da importanti testi letterari, come il Pinocchio di Collodi e più recentemente il Don Chisciotte di Cervantes, da cui sono scaturiti alcuni preziosi ‘libri Mimmo Paladino, America, 1996 - Acquaforte, puntasecca, acquatinta, xilografa, serigrafia, foglia d’argentod’artista’. Infatti Mimmo Paladino – continua Luciano Caprile – ha sempre privilegiato il mezzo grafico come veicolo d’espressione e di illustrazione di testi letterari. Proprio il Don Chisciotte ha suggerito a Paladino un film che ha come interpreti Peppe Servillo degli Avion Travel nel ruolo del Cavaliere della Mancia, Lucio Dalla in quello di Sancho Panza mentre Enzo Cucchi è il Mago Merlino, Remo Girone impersona la morte e Alessandro Bergonzoni recita se stesso. Compare inoltre Edoardo Sanguineti che recita alcuni brani di un poemetto giovanile ispiratogli dalla figura del Don Chisciotte. Questa pellicola – conclude Caprile – è stata presentata alla Mostra del Cinema di Venezia del 2006 nella sezione Orizzonti”.

La mostra è accompagnata da un catalogo con testo critico di Luciano Caprile.

Mimmo Paladino è nato a Paduli (Benevento) nel 1948. Pittore, scultore, creatore di scenografie, è tra le massime personalità del panorama artistico italiano ed internazionale, esponente della “Transavanguardia” teorizzata da Achille Bonito Oliva nel corso degli anni Ottanta, noto per le sue alchimie di segni e forme di matrice arcaica e primordiale.
Mostre itineranti e personali organizzate in tutto il mondo hanno fatto di Paladino un artista conosciuto e molto apprezzato anche all’estero. Le sue opere arricchiscono le principali collezioni pubbliche e private del mondo, fra cui il Museum of Modern Art e il Guggenheim Museum a New York e la Tate Gallery a Londra.
L’artista si è distinto anche per la straordinaria capacità di creare opere pubbliche tra cui resta memorabile la Montagna di Sale esposta in Piazza del Plebiscito a Napoli nel 1995. Recentissimo il suo intervento all’Ara Pacis (Roma) dove, con Richard Rogers, ha realizzato la decorazione.

Comments are closed.