Guarini, Juvarra, Antonelli. Segni e simboli per Torino

0

Filippo Juvarra,“Disegnio per l’Architrave: Freggio e Cornice della Chiesa di Superga”, 1720. Torino, Archivio di Stato, Sezioni Riunite, Azienda Fabbriche e Fortificazioni, Contratti fabbriche, registro n. 7 (1720)È aperta al pubblico dal 28 giugno al 14 settembre 2008 a Torino, Palazzo Bricherasio, la mostra Guarini, Juvarra, Antonelli. Segni e simboli per Torino, curata da Giuseppe Dardanello e Rosa Tamborrino.
L’esposizione rientra tra gli eventi OFF CONGRESS OFFICIAL EVENTS promossi dall’Ordine degli Architetti PPC della provincia di Torino e dalla Fondazione OAT ed è organizzata dalla Fondazione Palazzo Bricherasio in collaborazione con la Direzione Regionale dei Beni Culturali e Paesaggistici del Piemonte e con l’Ordine degli Architetti della provincia di Torino.

La mostra si propone di descrivere l’importanza del disegno come strumento di comunicazione, presentando l’opera dei grandi architetti che hanno lasciato un’impronta indelebile della loro creatività a Torino.

Alessandro Antonelli, Quarto progetto per la cupola di San Gaudenzio, 1855. Novara, Archivio di StatoLe sale di Palazzo Bricherasio ospitano così progetti, disegni, modelli, scritti, schizzi di alcune delle opere architettoniche che caratterizzano il tessuto urbano di Torino, che è una città in cui il rapporto tra forma e architettura è fortissimo fin da quando divenne capitale, e di molte località del Piemonte: dalla geniale Cappella della Santa Sindone, mirabile opera barocca dell’architetto Guarino Guarini, costruita a Torino alla fine del XVII secolo, alla Basilica di Superga del messinese Filippo Juvarra, fatta costruire da Vittorio Amedeo II, alla Mole Antonelliana, monumento simbolo della città, che prende il nome dall’architetto che la costruì.

Oltre ai tre grandi architetti, una sezione della mostra è dedicata ai progettisti minori che tra il Seicento e l’Ottocento hanno dato un’impronta fortissima a Torino e di cui si conservano le testimonianze del lavoro svolto (documenti di archivio ed edifici esistenti).

L’esposizione rappresenta, inoltre, l’occasione per presentare al pubblico i disegni di Guarino Guarini e di Filippo Juvarra, provenienti dall’Archivio di Stato di Torino e i numerosi album di Filippo Juvarra di proprietà del Museo Civico – Palazzo Madama, Biblioteca Reale e Biblioteca Nazionale, unitamente a modelli lignei e ricostruzioni virtuali, che aiutano il visitatore a comprendere le loro straordinarie soluzioni architettoniche.

Comments are closed.