Il Patrimonio Mondiale UNESCO, dimensione internazionale e nazionale

0

UNESCO - LogoSi tiene a Roma, nella ex Chiesa di Santa Marta, in Piazza del Collegio Romano 5, martedì 11 novembre 2008, a partire dalle ore 10,00, una giornata di studio sul tema “Il Patrimonio Mondiale UNESCO, dimensione internazionale e nazionale”.
L’incontro, promosso dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali e dal Ministero degli Affari Esteri, è organizzato in occasione della presentazione alla stampa dei volumi di Francesco Francioni, La Convenzione del 1972 sul Patrimonio Mondiale. Un Commento; di Tullio Scovazzi, Il Patrimonio Culturale dell’Umanità; del Ministero per i Beni e le Attività Culturali (a cura di Manuel Roberto Guido e Maria Rosaria Palombi), Siti UNESCO: tutela e conservazione dei beni culturali e naturali e del paesaggio.
Sarà presente il Sottosegretario di Stato per i Beni e le Attività Culturali, On. Francesco Maria Giro.

L’obiettivo dell’iniziativa è quello di riflettere, approfondire e confrontarsi su tematiche di grande rilevanza, quali l’attuazione della Convenzione UNESCO del ’72. Il diritto internazionale, infatti, può offrire all’Italia la proverbiale “marcia in più” per fronteggiare la crisi finanziaria ed economica. Quali potenzialità “mette in campo” l’Italia con il suo patrimonio culturale? Le eccellenze italiane riconosciute dall’UNESCO possono costituire il nerbo della promozione del Made in Italy?
Il confronto che anima la Giornata di Studio verte, quindi, principalmente sulle migliori strategie, piani operativi, modalità da adottare per valorizzare il “Sistema Italia”.

Durante i lavori della mattinata, introdotti e moderati da Antonia Pasqua Recchia, Direttore Generale del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, gli Autori approfondiranno significato, importanza e ricadute della attuazione della Convenzione UNESCO del ’72. Le pubblicazioni presentate si sviluppano nello stesso ambito concettuale in quanto approfondiscono tematiche inerenti al diritto internazionale e alla dimensione economica e politica della conservazione e della gestione del Patrimonio Mondiale su scala internazionale e con un focus dedicato al nostro Paese e alla promozione del Made in Italy.

La sessione pomeridiana prevede la tavola rotondaValorizzazione dei Siti Italiani UNESCO e promozione del Made in Italy”, con interventi di accreditati relatori. I lavori sono finalizzati ad evidenziare come le Convenzioni internazionali, la ricerca scientifica teorica e applicata, l’editoria di livello universitario non siano sovrastrutture avulse dalla cultura del Paese, ma costituiscano momenti di approfondimento per la migliore valorizzazione del Patrimonio e per la individuazione delle più opportune strategie per la promozione del Made in Italy anche in Italia, oltre che all’estero.

La pausa tra le due sessioni vedrà protagonista “Città dei sapori”, con gli assaggi di “gastronomia culturale”, un altro aspetto del nostro grande patrimonio.

Comments are closed.