OpenArt 09

0

Opera di Christiane TureczekRimarrà  aperta  al pubblico dal 26 luglio all’11 ottobre 2009 a Roveredo (Svizzera, Ct. Grigioni), località Trii, OpenArt 09,  rassegna che va sempre più imponendosi grazie soprattutto all’attenta selezione dei partecipanti attuata da Luigi a Marca, artista e promotore culturale, che da 9 anni raccoglie in un parco agricolo-boschivo di oltre 100.000 mq una cinquantina di artisti che lavorano nelle tre dimensioni, alcune volte dentro la tradizione della scultura, ma spesso attivi in installazioni di grande valore estetico e concettuale.  
Per i visitatori OpenArt è un’occasione per frequentare la scultura immergendosi in un ambiente naturale incontaminato, con cui le opere dialogano a tutto campo, visto che gli artisti che le creano le realizzano spesso direttamente sul posto o, altrimenti, le predispongono per un luogo specifico all’interno del parco in modo che entrino in consonanza con l’ambiente (il grande prato, il bosco, gli anfratti, il fiume) che le accoglie.

L’iniziativa mette a contatto diretto artisti, operatori del mondo dell’arte e semplici appassionati dell’espressione umana. Sempre importanti sono stati negli anni passati (così come lo sono in questa edizione) le presenze di artisti affermati che stimolano il confronto e sollecitano la creatività dei colleghi più giovani: fra i maestri le cui opere sono presenti nel parco in permanenza possiamo ricordare Arman, Rotella, Knubben, Spoerri, Schumacher.

Sempre folta è la presenza degli artisti svizzeri, cui si affiancano scultori provenienti dalla Germania e da altre parti d’Europa (Austria, Francia, Italia, Olanda e Gran Bretagna), ma appare subito evidente come l’espressione artistica non abbia ormai più nazionalità.

Le sculture (in legno, bronzo, pietra ed altri materiali meno usuali), le installazioni più varie, i video non sono più connotati dalla cultura di provenienza ma vivono di una globalità fatta propria dagli artisti che si confrontano con l’arte del mondo intero.

Comments are closed.