Amabili resti, il nuovo film di Peter Jackson

0

Amabili resti racconta una duplice storia (la storia dell’elaborazione di un lutto e quella dello smascheramento di un assassino), adottando il punto di vista della vittima di un atroce delitto, una creatura non più vivente, confinata in uno spazio liminare tra la terra e il cielo che accoglie i morti di morte violenta non ancora in pace con se stessi, fantasmi afflitti da rimpianti, tormenti, turbamenti terreni.

Proprio la lussuosa illustrazione di questo universo altro, ricreato secondo i dettami di una new age squisitamente laica (nessuna entità divina, nessuna presenza angelica), intende essere il punto di forza della pellicola.

Reduce dalla trilogia del Signore degli anelli, nonché dal rifacimento di King Kong, Peter Jackson è un cineasta capace di valorizzare appieno gli elementi visivi legati al fantastico e al meraviglioso. Anche in questa occasione, gli esiti formali sono di prim’ordine. Alcune soluzioni scenografiche e figurative (il gazebo che sprofonda nel fango; i velieri che, chiusi in gigantesche bottiglie di vetro, si infrangono tra gli scogli…) vibrano di un’inventiva senza ritegno. I continui passaggi tra il mondo della realtà e quello della fantasia sono risolti con buona sicurezza.

Il film non è privo tuttavia di elementi dissonanti. Come è facile intuire, le esigenze di una produzione sontuosa possono aver imposto una certa cautela su alcune scelte di messa in scena. E così i momenti di puro fantastique della pellicola si tengono ben lontani dai perturbanti deliri visivi del cinema di Lynch (penso alla red room di Twin Peaks, ad esempio). In qualche occasione (la rimpatriata delle vittime del mostro) Jackson stenta a trovare una cifra originale e convincente.

Nicola Rossello

Scheda film

Titolo: Amabili resti
Regia: Peter Jackson
Cast: Mark Wahlberg,Rachel Weisz, Susan Sarandon, Stanley Tucci, Michael Imperioli, Saoirse Ronan
Durata: 135 Min
Genere: Drammatico
Distribuzione: Universal Pictures International Italy
Data di uscita: 12 febbraio 2010

Comments are closed.