Museo Diocesano di Milano | “L’Afganistan, la guerra” – Mostra fotografica di Francesco Cocco

0

Il Museo Diocesano di Milano dal 7 al 28 ottobre 2010 ospita la mostra fotografica di Emergency dal titolo  L’afganistan, la guerra. L’esposizione, realizzata in collaborazione con Contrasto, presenta 24 fotografie in bianco e nero di Francesco Cocco scattate negli ospedali di Emergency in Afganistan.

In oltre trent’anni, la guerra nel paese asiatico ha causato un milione e mezzo di morti e quattro milioni di profughi, cui si aggiungono le vittime provocate dagli incessanti combattimenti e dalle mine antiuomo disseminate nel terreno.
Denutrizione, scarso accesso a fonti idriche sicure, epidemie di tubercolosi e malaria non trovano rimedi in un sistema sanitario allo stremo.
Tra burqa e kalashnikov, feriti e sale operatorie, Francesco Cocco ha raccontato la storia delle vittime: l’unica e più tragica verità della guerra.

Da sempre impegnato nella fotografia sociale, Cocco inizia la sua carriera nel 1989 documentando la realtà di paesi “difficili”, specialmente nell’area asiatica. Accanto ai numerosi lavori con le ONG (sulle vittime delle mine antiuomo; sulla prostituzione minorile; sulle condizioni di vita dei civili dopo la guerra in Kosovo), Cocco porta avanti una ricerca personale – Babilonia – sul mondo delle “abilità differenti”. Nel 2002 con l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica Italiana, realizza la mostra e il libro Prisons sulla condizione carceraria in Italia. Nel 2007 Cocco prende parte a un progetto sulla maternità nei penitenziari italiani, con un’esposizione allestita presso la Camera dei Deputati (Che ci faccio io qui?). Sempre nel 2007, con altri fotografi di Contrasto, realizza un importante lavoro di documentazione sulla Cina dal titolo Beijing in and out, presentato alla Triennale di Milano. A giugno pubblica La ruota che gira (Contrasto edizioni), un progetto sulla situazione dell’infanzia in Cambogia.

Articoli correlati:

Mostra fotografica | Che ci faccio io qui? I bambini nelle carceri italiane

Comments are closed.