Como, mostra di Chiara Albertoni e Marta Colombi, le vincitrici del concorso Co.Co.Co.

0

Chiara Albertoni, Spire, 2009, olio su tela, 112x85 cm Lo Spazio Natta di Como dal 14 novembre al 19 dicembre 2010 ospita la doppia personale di Chiara Albertoni e Marta Colombi, vincitrici della seconda edizione di Co.Co.Co. Como Contemporary Contest, concorso che ha lo scopo di scoprire e promuovere i giovani talenti sulla scena dell’arte contemporanea e diventare punto di riferimento delle poetiche delle nuove generazioni.

I lavori di Chiara Albertoni (Padova, 1979) e Marta Colombi (Milano, 1982) sono stati selezionati da un’apposita giuria tra quelli di oltre 750 candidature.

Chiara Albertoni, che è stata premiata con l’opera “Nebulosa”,  concentra la sua ricerca sulla natura, con dipinti dominati dalla rarefazione e dal silenzio. Con una notevole padronanza tecnica, la pittrice coglie anche le più piccole sfumature dei soggetti che trova nelle campagne venete. Le immagini di Chiara Albertoni non si rivelano subito: una ragnatela coperta di brina ghiacciata può assomigliare a uno scettro, i petali dei fiori ricordare le ali delle farfalle, le sfumature di alcuni ciclamini ingranditi sembrare le campiture di colore dell’espressionismo astratto. Col suo lavoro l’artista riporta l’attenzione sulla fragilità della natura. Fiocchi di neve, foglie, tronchi ritorti, spesso resi con una tavolozza monocroma, assumono le sembianze di un sogno, le forme di un mondo minuscolo e prezioso.

Marta Colombi, premiata con l’opera “Caos”, dimostra padronanza tecnica, con opere scultoree-installative che mostrano una riflessione ai principi della pura geometria, alla classicità mediterranea al fine di raggiungere ordine e purezza. Marta Colombi pone l’accento sull’idea, in opere dove la riduzione è al limite. I suoi lavori sono un esempio di antimatericità, dove aeree costruzioni fatte di sottili fili di ferro, pur senza contraddire i principi di occupazione armonica dello spazio, testimoniano una vena poetica in cui aleggia una consapevole ironia.

Comments are closed.