Giorgio Pegoraro – Le Anacreontee. Gli imitatori di Anacreonte di Teo

0

Giorgio Pegoraro, Le Anacreontee. Gli imitatori di Anacreonte di Teo - Copertina del libroA Venezia, nelle Sale monumentali della Biblioteca Nazionale Marciana, mercoledì 1 dicembre 2010, alle ore 16.30, Giorgio Pegoraro presenterà la sua nuova opera di studioso, ovvero la raccolta delle Anacreontee dai lui tradotte e commentate per i tipi di Gilberto Padovan Editore. Ne parlerà con Ettore Cingano, docente di Letteratura greca all’Università Ca’ Foscari di Venezia.

Con la pubblicazione del volume, si mette nuovamente a disposizione dei lettori e del mondo accademico quei sessanta componimenti anonimi, contenuti nell’Antologia Palatina, che per secoli vennero attribuiti ad Anacreonte, il grande lirico greco nato a Teo, sulle coste dell’Asia Minore, intorno al 570 a.C. In realtà, gli autori di quei testi sono assai più tardi, e appartengono all’epoca romana imperiale e anche bizantina.

Si tratta della prima edizione italiana dopo quella di Luigi A. Michelangeli risalente al 1882 (Zanichelli, Bologna) voluta dal Carducci.
Il volume – il cui titolo completo è Le Anacreontee. Gli imitatori di Anacreonte di Teo – si apre con le significative prefazioni affidate a due tra i massimi poeti contemporanei, Andrea Zanzotto e Fernando Bandini, e contiene non soltanto la traduzione e il commento critico delle liriche ma anche, riprendendo in questo il miglior costume filologico, le concordanze testuali.

Giorgio Pegoraro è stato insegnante di greco e latino nei licei, ha diretto e lavorato negli Istituti Italiani di Cultura di Budapest, Strasburgo, Helsinki, Grenoble e Stoccarda. Ha al suo attivo saggi, traduzioni e pubblicazioni scientifiche, oltre all’organizzazione di alcune grandi mostre bassanesi.

Comments are closed.