A Napoli esposto il “Cristo rivelato” di Felice Tagliaferri

0

Cristo Rivelato

Rimarrà esposto a Napoli, presso il Museo Archeologico Nazionale, nella sala accanto alla prestigiosa Collezione Farnese, dal 26 febbraio al 13 marzo 2011 la scultura di Felice Tagliaferri il “Cristo Rivelato”.

Fonte di ispirazione dell’artista è stata l’opera di Giuseppe Sanmartino dal titolo “Cristo velato”, nella Cappella Sansevero di Napoli, che al Tagliaferri, cieco dall’età di 14 anni, non fu permesso di vedere a suo modo, cioé con le mani. Da tale divieto venne l’idea all’artista di realizzare una sua personale versione dell’opera, il “Cristo rivelato”, una scultura tattile dal doppio significato: “velato per la seconda volta” e “svelato ai non vedenti” che possono  leggere la pietra toccandola con le mani.

La tattilità permette di penetrare la durezza del marmo, con una percezione totale  che va dalle superfici scabre e  tormentate a quelle nitidamente levigate.
Rendere disponibile questa scultura alla fruizione tattile significa, inoltre, dimostrare che un blocco di pietra non può rovinarsi a causa dello sfioramento effettuato da mani esperte. Per questo motivo le guide sono non vedenti, formate dallo stesso scultore Tagliaferri.

La mostra è organizzata dall’Unione Nazionale Italiana Volontari Pro Ciechi (UNIVOC) di Napoli e dall’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti di Napoli.

L’esposizione si aprirà con un convegno, “L’arte è uguale per tutti”, sull’accessibilità e fruibilità del patrimonio artistico-culturale del territorio. Sono previsti interventi di Roberto Farroni e Aldo Grassini, rispettivamente Presidente e Fondatore del Museo Tattile Statale Omero, Giampiero Griffo, responsabile della Sezione sulle diversità della Biblioteca Nazionale di Napoli, Loretta Secchi, curatrice e responsabile del Museo Tattile di Pittura Antica e Moderna “Anteros” di Bologna, Marco De Gemmis, Museo Archeologico Nazionale, e Annalisa Porzio, responsabile Servizio Educativo Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici di Napoli e Provincia.

Comments are closed.