Annamaria Vinci – Sentinelle della patria

0

Annamaria Vinci, Sentinelle della patria - Copertina del libroCon un’analisi rigorosa e avvincente, unica nel suo genere, Emilio Gentile narra la storia del mito nazionale nelle sue varie versioni, durante il moto risorgimentale, lo Stato liberale, la Grande Guerra, il fascismo, la Resistenza e la Repubblica, fino a scoprire le ragioni per le quali, dalla metà del secolo scorso, la nazione è scomparsa dalla vita degli italiani per riapparire nell’Italia d’oggi, con un incerto futuro. Una riflessione storica sul passato, per comprendere il presente.

Annamaria Vinci è docente di Storia contemporanea presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Trieste. Si occupa di storia del fascismo, del confine orientale italiano e delle vicende dell’Italia repubblicana. Tra le sue più recenti pubblicazioni: Educazione e democrazia per l’Italia postfascista nei progetti degli alleati in L’Italia alla metà del XX secolo (a cura di L. Ganapini, Milano 2005); Il fascismo al confine orientale in Dall’Impero austro-ungarico alle foibe (con altri autori, Torino 2009); Regime fascista, nazione e periferie (a cura di, Udine 2010); Frontiere invisibili? Storie di confine e storie di convivenza (a cura di, Trieste 2010).

Scheda libro

Autore: Annamaria Vinci
Titolo: Sentinelle della patria. Il fascismo al confine orientale 1918-1941
Editore: Laterza
Collana: Quadrante Laterza
Prezzo: € 22,00
Pagine: 272
Anno: 2011

Comments are closed.