Siena | L’anima e la musica. L’esperienza romantica e l’età del Risorgimento

0

Marie Eleonoire Godefroid, Ritratto di Madame De Stael, 1841, olio su tela, cm 149,50 x 121,80, Châteaux de Versailles et de Trianon (Versailles ) e John Henry Fussli, Amleto e il fantasma del padre, 1793, olio su tela, cm 165 x 134, Fondazione Magnani Rocca (Mamiano di Traversetolo - Parma)

Nel Complesso Museale Santa Maria della Scala, a Siena, dal 12 marzo al 19 giugno 2011 è allestita la mostra “L’anima e la musica“, a cura di Sergio Carrubba, Orietta Rossi Pinelli e Roberto Venuti. Dipinti, documenti, musica vengono valorizzati da elaborazioni multimediali di grande impatto emotivo, che offrono al pubblico uno straordinario spaccato della realtà storica e culturale dell’Europa dell’Ottocento.

Un percorso suggestivo guida il visitatore alla scoperta di quel “Romanticismo” che ha rivoluzionato la sensibilità e il gusto di un’epoca, trasformando in modo irreversibile la cultura europea, attraverso una diffusione geografica internazionale se pur segnata da forti peculiarità nazionali, abbracciando contemporaneamente i tre grandi campi della vita artistica (letteratura, musica, arti figurative) e influenzando in modo fondamentale anche le diverse discipline del pensiero (filosofia, economia, archeologia, psicologia) e più in generale la vita pubblica (politica, religione) e i rapporti privati (amore, amicizia, passione, famiglia).
Una stagione diventata anche il contesto culturale e politico entro cui si innesta il Risorgimento italiano.

La mostra realizzata nell’ambito del 150° anniversario dell’Unità d’Italia è promossa dal Comune di Siena e dalla Fondazione Monte dei Paschi di Siena , dall’Università degli Studi di Siena, dall’Accademia Musicale Chigiana, dall’Istituto Polacco di Roma, dall’Università degli Studi di Roma – La Sapienza, dalla Casa di Goethe – Roma.

Comments are closed.