«Il nome della stella è Assenzio»

0

«Il nome della stella è Assenzio», Copertina del libroParlare di Chernobyl, il disastro nucleare avvenuto il 26 aprile 1986, vuol dire parlare di passato, presente e futuro. Lo fanno qui varie voci, quasi tutte ucraine: storici, sociologi, antropologi del rischio, poeti, scrittori, fotografi, artisti, bambini. Il loro racconto ci presenta il disastro nella situazione storica che lo rese possibile e nella dimensione più profondamente umana, come evento che ha sconvolto la storia di un Paese e la vita di un popolo. Uno dei significati del nome Chernobyl, in ucraino, è “assenzio”, e «Il nome della stella è Assenzio» è il versetto 8,11 dell’Apocalisse di Giovanni. Esso preannuncia che, al suono della terza tromba, la stella Assenzio cadrà dal cielo e irradierà il suo potere come una torcia ardente rendendo amare le acque dei fiumi e facendo morire una grande quantità di uomini. Il libro nasce da una collaborazione tra l’Istituto di storia onlus – Vicenza e l’associazione umanitario-culturale “Il Ponte-Mict” della provincia di Vicenza.

Il Dvd “1986-2006: Ricordare Chernobyl” di Manuel Baldini e Fabio Ferrando completa i testi del libro con le immagini della installazione artistica di A. Gaydamaka, creatore del Museo nazione di Chernobyl di Kiev, e della mostra fotografica di Igor Kostin, il primo che testimoniò al mondo, con i suoi scatti, il disastro.

Scheda libro

Titolo: «Il nome della stella è Assenzio». Ricordando Chernobyl
A cura di Francesca Lomastro, Andrii Omelianiuk, Oxana Pachlovs
Editore: Viella
Collana:
Fuori collana
Prezzo: € 18,00
Pagine: 156 + 1 Dvd
Anno: 2011

Comments are closed.