Liviana Gazzetta – Cattoliche durante il fascismo

0

Liviana Gazzetta, Cattoliche durante il fascismo - Copertina del libroPer quanto si trattasse di un organismo che trovava la sua ragion d’essere in esigenze di carattere etico-religioso e non politico, nel Ventennio l’Unione Femminile Cattolica fu intrisa di una visione ideologica del ruolo femminile all’interno del progetto complessivo di “restaurazione cristiana”: fu in virtù di tale visione ideologica che essa svolse nella società italiana una funzione politica, pur escludendo dall’orizzonte del destino femminile proprio quest’ordine di interessi. La ricerca condotta nell’area delle Venezie mostra come il potenziale dell’azione cattolica femminile andò manifestandosi soprattutto sul piano sociale quale terreno precipuo della “restaurazione” auspicata: in primo luogo con una costante mobilitazione contro la presunta degenerazione morale della società, ma anche assumendo progressivamente vari compiti nell’ambito dell’assistenza e dell’intervento sociale pubblico, parallelamente alla trasformazione del ruolo dello Stato anche per gli effetti della “grande crisi”. Organismo monolitico, efficiente e ben organizzato nelle realtà urbane, con punte di vero protagonismo in alcune diocesi e una sostanziale assenza di pluralismo interno, l’azione cattolica femminile veneta “risolve” la rottura epocale della Grande Guerra in una concezione di maternage sociale, che negli anni Trenta viene decisamente orientato verso la collaborazione con precisi settori d’intervento sviluppati dal regime e dallo Stato fascista.

Scheda libro

Autore: Liviana Gazzetta
Titolo:
Cattoliche durante il fascismo. Ordine sociale e organizzazioni femminili nelle Venezie
Editore: Viella
Collana:
I libri di Viella, 121
Prezzo: € 29,00
Pagine: 304
Anno: 2011

Comments are closed.