Tim Parks – Sogni di fiumi e di mari

0

Tim Parks, Sogni di fiumi e di mari - Copertina del libro“Da qualche tempo sono ossessionato, forse felicemente, da sogni di fiumi e di mari”. Pochi giorni dopo aver scritto al figlio John, queste parole, Albert James muore. Lasciando la deliziosa fidanzata e il laboratorio dove studia, John vola a Delhi per unirsi al lutto della madre. Albert è un antropologo brillante ma controverso, e sia la natura della sua ricerca sia le circostanze della sua morte sono tutt’altro che chiare. John deve anche affrontare l’apparente freddezza della madre e la stranezza della cerimonia di cremazione da lei organizzata. Subito dopo il servizio funebre arriva a Delhi un giornalista deciso a scrivere una biografia di Albert. La vedova non vuole avere niente a che fare con il progetto, ma allo stesso tempo sembra incapace di star lontana dal giornalista. Per John, l’enigma dei sogni paterni e il mistero dell’India con le sue incredibili stranezze sono tutt’uno. Realtà e immaginazione si confondono, e il ragazzo diventa preda della densità e dell’intensità di una cultura dove non esistono distinzioni tra il religioso e il laico, tra la vita e la morte, tra gli dei e gli uomini. In un finale assolutamente inaspettato, Tim Parks ci mostra, più che la frammentazione di identità della cultura indiana, la complessità e la fragilità della condizione degli occidentali.

Tim Parks ha studiato a Cambridge e Harvard. Vive in Italia, vicino a Verona, con la moglie e tre figli. Insegna tecnica della traduzione allo IULM e ha pubblicato romanzi e opere di saggistica. E’ traduttore, tra l’altro, di Calvino, Moravia, Tabucchi e Calasso. Ha pubblicato La fortuna dei Medici e Insegnaci la quiete (2010).

Scheda libro

Autore:
Tim Parks
Titolo: Sogni di fiumi e di mari
Editore: Mondadori
Collana: Scrittori Italiani e Stranieri
Prezzo: € 22,00
Pagine: 432
Anno: 2011

Comments are closed.