Ravenna | Omaggio a Giovanni Testori

0

Michelangelo Merisi da Caravaggio, Ragazzo morso dal ramarro, 1593-94, olio su tela,cm 65.8x52.3, Firenze, Fondazione di Studi di Storia dell'Arte Roberto Longhi (Particolare)

Il MAR, Museo d’Arte della Città di Ravenna, rende omaggio a Giovanni Testori (1923-1993) con una mostra che resterà aperta al pubblico dall’12 febbraio fino al 17 giugno 2012.

Il percorso espositivo si articolerà in diverse sezioni dedicate ai vari periodi della storia dell’arte studiati dal critico milanese e agli artisti da lui amati, a partire dai suoi primi scritti su Manzù, Matisse, Morlotti, poi i francesi Courbet e Géricault; dagli approfondimenti e le riscoperte sulla linea della pittura di realtà in Lombardia del ‘500 (Gaudenzio Ferrari, Foppa, Savoldo, Romanino, Moretto) e del ‘600 (Moroni, Ceresa, Fra Galgario, Ceruti), i “manieristi” lombardo piemontesi (Cerano, Morazzone, Tanzio da Varallo, Daniele Crespi, Cairo,) accompagnati da Caravaggio, sua grande passione dichiarata, passando attraverso l’attenzione a figure della Nuova Oggettività (Dix, Grosz, Radzwill), Nuovi Selvaggi (Fetting, Hodicke, Zimmer, Salomè) e Nuovi Ordinatori (Albert, Chevalier, Schindler, Merkens), e artisti come Bacon, Giacometti, Sutherland, Sironi, Guttuso, Gruber, Marini, Vacchi, Varlin, Jardiel, Vallorz, Rainer – per citare alcuni nomi – per giungere fino a Cucchi e Paladino.
Di ognuno di questi artisti saranno esposte diverse opere, in alcuni casi quelle stesse scelte e possedute da Testori.

La mostra, curata da Claudio Spadoni, è accompagnata da un catalogo di Silvana editoriale.

Comments are closed.