1938-1945. La persecuzione degli ebrei in Italia. Documenti per una storia

0

1938-1945. La persecuzione degli ebrei in Italia. Documenti per una storiaAlla Casa della Memoria e della Storia di Roma dal 25 gennaio  al 10 febbraio 2012 rimarrà aperta al pubblico la mostra “1938-1945. La persecuzione degli ebrei in Italia. Documenti per una storia”, che, articolata in 15 sezioni tematiche, racconta la persecuzione degli ebrei in Italia con l’ausilio di 38 pannelli.

Si parte dalle premesse storiche, per contestualizzare la situazione agli esordi del ‘900, con le sezioni Ebrei nell’Italia unita, Antisemitismo e razzismo, Ebrei e Italia fascista. Il percorso espositivo prosegue attraverso il periodo della minorazione dei diritti e della persecuzione sociale illustrata dalle sezioni Propaganda antiebraica 1937-1938, Le leggi antiebraiche del 1938-1939, Gli effetti delle leggi, Di fronte alla persecuzione, Le norme antiebraiche del 1940-1943.

La mostra continua illustrando il periodo storico dal settembre 1943 alla Liberazione nelle regioni poste sotto l’occupazione tedesca e la Repubblica Sociale Italiana. Questa fase, contrassegnata dagli arresti, dalla deportazione e dallo sterminio è raccontata nelle seguenti sezioni: L’Europa nazista e gli ebrei: persecuzione e sterminio; Occupazione tedesca ed estensione della shoah in Italia; La politica antiebraica della Repubblica sociale italiana; Carceri, campi, eccidi; Deportazione dall’Italia e sterminio; Clandestinità, fuga, resistenza, soccorso. Si potranno quindi leggere la lettera degli arrestati in attesa di conoscere la loro sorte o la riproduzione del foglio consegnato agli arrestati del 16 ottobre 1943 a Roma. Ci si potrà documentare sui campi di concentramento per ebrei in Italia e prendere visione dei testi delle cartoline gettate dai treni dai deportati in viaggio verso i campi, delle schede di segnalazione di ebrei scomparsi raccolte dopo la liberazione di Roma, delle lettere dei delatori, le lettere con cui alcuni giovani avvertono i genitori del loro ingresso nella resistenza.
Conclude il percorso il ritorno alla vita nell’immediato dopoguerra.

L’iniziativa è a cura dell’Associazione Romana Amici D’Israele, con pannelli della Fondazione Centro di Documentazione Ebraica Contemporanea CDEC onlus di Milano ed è promossa da Roma Capitale – Assessorato alle Politiche Culturali e Centro Storico, Dipartimento Cultura – Servizio Programmazione e Gestione Spazi Culturali in collaborazione con Zètema Progetto Cultura.

Comments are closed.