Miniature di vetro. La bomboniera d’artista

0

Miniature di vetroL’Istituto Veneto di Scienze, Lettere e Arti, nella sede di Palazzo Loredan a Venezia, presenta la mostra Miniature di vetro. La bomboniera d’artista.
In esposizione, dal 24 marzo al 10 giugno 2012, 400 bomboniere in vetro, provenienti da collezioni private. Piccoli oggetti di vetro che svelano le abilità tecniche dell’arte vetraria dei grandi artisti e che, nello stesso tempo, rappresentano un’affascinante storia in miniatura del vetro nel Novecento e di quello contemporaneo.

Fin dal Quattrocento, alle spose vengono donati dei confetti in un contenitore artistico, la confettiera. Il termine “bombonnière” nasce poi in Francia nel Settecento.
La tradizione vuole che la bomboniera connessa con l’evento delle nozze, come oggi la conosciamo, legata al “ricordo” di un giorno di gioia e di “ringraziamento” per i doni ricevuti, nasca nel 1896, con le regali nozze tra Vittorio Emanuele di Savoia, principe di Napoli e futuro re d’Italia, con Elena del Montenegro. La Regina Margherita, madre dello sposo, in occasione delle nozze fa, infatti, realizzare una piccola scatola d’argento che regala a tutti gli invitati.

Molti i designer e gli artisti del vetro che si sono confrontati nel corso del tempo con la creazione di bomboniere, da Carlo Scarpa a Lino Tagliapietra, oggi riunite per la prima volta.

In occasione della mostra, alcuni artisti sono stati invitati a creare delle installazioni provocatorie, pezzi unici che riflettono in maniera ironica e originale sulla bomboniera e sul matrimonio: a confrontarsi su questi tempi, Michele Burato, Silvia Levenson e Silvano Rubino, oltre a Marina e Susanna Sent.

Accompagna la mostra un catalogo edito da Marsilio Editori, che presenta la collezione con testi dedicati alla storia, agli usi della confettiera e della bomboniera e del loro contenuto, a partire dal Rinascimento, con particolare riferimento alle fonti figurative e agli oggetti in vetro, al contesto storico-tecnico del vetro del Novecento e di quello contemporaneo in stretta relazione con le opere in mostra.

L’esposizione, a cura di Rosa Barovier Mentasti, Sandro Pezzoli e Cristina Tonini, è promossa dall’Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti, in collaborazione con Civita Tre Venezie, con la partnership di Consorzio Promovetro Murano, con il patrocinio della Regione del Veneto, il Comune di Venezia e del Comitato Nazionale Italiano AIHV – Association Internationale pour l’Histoire du Verre.

Comments are closed.