Viareggio | Borrani al di là della macchia. Opere celebri e riscoperte

0

Odoardo Borrani: L'Arno a Varlungo

Il Centro Matteucci per l’arte Moderna a Viareggio presenta dall’ 1 luglio al 4 novembre 2012 un’attenta e impegnativa retrospettiva su Odoardo Borrani.
Con questa mostra, curata da Silvio Balloni ed Anna Villari su idea di Giuliano Matteucci, la storia della pittura dell’artista toscano è per la prima volta ricostruita in modo omogeneo e lineare, dagli esordi sino alle ultime esperienze creative, svolte al valico del Novecento. Ciò è stato reso possibile grazie a fondamentali recuperi di dipinti inediti, o non più esposti da molti anni, i quali, integrando le tessere di mosaici figurativi in sé conclusi, rimasti sinora incompleti, consentono di narrare l’itinerario creativo dell’artista delineando con coerenza peculiari ed irripetibili momenti della sua ispirazione.

Il percorso espositivo inizia subito con un quadro inedito, il Milite della Guardia Nazionale Toscana, archetipo della meditazione sulla pittura a “macchia”, e continua offrendo preziose novità in relazione a ogni momento che scandisce le stagioni della pittura del Borrani: i soggiorni di San Marcello Pistoiese (1861) e di Castiglioncello (1867), sono chiariti nel loro intero sviluppo da incalzanti sequenze pittoriche, composte di due “trittici” che appurano nelle minime sfumature il peso specifico dello stile in questi momenti della sua evoluzione: il primo col recupero di un’opera come Pascolo sulle Alture, accostata a Pascolo e alla monumentale Raccolta del grano sull’Appennino; il secondo, esponendo nella sua integrità il ciclo di quadri dipinti nell’estate del 1867 a Castiglioncello, aventi come tema unificante il carro rosso coi buoi bianchi aggiogati: il celebre Carro rosso, infatti, viene posto a confronto con un’inedita versione, seguita da La raccolta del grano a Castiglioncello. Infine, altri due quadri ritrovati ci immergono nella quiete profonda di Piagentina: Casolari a Piagentina e il meraviglioso Arno a Varlungo, uno dei suoi capolavori non più esposto dal 1868, allorchè fu acquistato dalla Società Promotrice di Firenze.

Anche l’attività artistica del Borrani fra l’Ottavo e il Nono decennio risulta estremamente documentata, grazie all’esposizione di altri recuperi fondamentali, tra cui Chiostro Verde in S. M. Novella, Pescatore sul Mugnone, Interno dell’oratorio della Confraternita di Santa Monaca in Firenze e un’inedita versione de Il richiamo dei contingenti, esposta l’ultima volta a Torino nel 1868: quadro che, abbinato al coevo Alla fonte, offre l’esatta misura di un’altra specifica fase del lessico pittorico borraniano. Queste opere sono poi integrate da noti capolavori della ritrattistica dell’artista, come Ritratto di giovane uomo e Ritratto di bambino in piedi, e da un quadro altamente riassuntivo della sua poetica intimista maturata nel Settimo decennio: Al coro.

L’importanza della mostra risiede altresì nel testimoniare come Borrani, nell’estremo periodo della sua vita, fosse ancora capace di dipingere quadri di elevata caratura formale. L’ultima produzione è rappresentata in mostra da due assoluti capolavori: Dintorni di Firenze (1897), del quale è stato identificato il soggetto nella suggestiva Villa Medici di Fiesole, e L’Arno a Rovezzano, quadro anch’esso decisamente poco noto, che testimonia lo scorrere nell’anziano pittore di una vena ancora altissima di poesia.

La mostra è promossa dal Centro Matteucci per l’Arte Moderna, con il patrocinio del Ministero dei Beni Culturali, della Regione Toscana, della Provincia di Lucca e del Comune di Viareggio.

Comments are closed.