Milano. Superstudio presenta Temporary Museum for New Design 2013

0

Explore the Superstudio spaces in Milano and plunge into the works of avant-garde artists like in an experience ranging over art and design through 3D projections, interactive videos, and light installations.

La nuova edizione del Temporary Museum for New Design, organizzata durante il Fuori Salone (9-13 aprile 2013) da Superstudio Group, su progetto di Gisella Borioli e con l’art direction di Giulio Cappellini,  si snoda attraverso installazioni e esposizioni che raccontano l’evoluzione del design in tutte le sue forme e si sviluppa nelle due iconiche location di zona Tortona: il grande Superstudio Più e lo storico Superstudio 13.

I cinque progetti più importanti sono:

1) Global Design: casa, tecnologia, vita

Sul filo del Design Globale che intercetta tutte le esigenze della nostra vita, l’area principale del Temporary Museum presenta grandi installazioni virtuali e immaginifiche, proposte spettacolari per le case che verranno, collettive da tutto il mondo (paesi) e beauty design salon.

2) Discovering, la ricerca e i nuovi talenti

Nel Basement di Superstudio Più ritorna “Discovering, other worlds, other talents, other ideas”, lo spazio della ricerca dedicato a nuove realtà produttive e nuovi talenti: una ventina di nomi che propongono oggetti romantici, tecnologici, interattivi.

3) Freedomdesign, creativi e artigiani in libertà

Al Superstudio 13 prende il via il nuovo progetto freedomDesign, lo spazio della libertà, il “suk” delle buone idee che offre a tutti i creativi che ne hanno fatto richiesta, in spazi piccolissimi in un ambiente effervescente, la possibilità di mostrare il loro lavoro, a prescindere dalla produzione industriale. Contigua a freedomDesign l’eccezionale mostra “Arts & Crafts & Design – Il tempo secondo Alessandro Mendini e i suoi artigiani”, oggetti artistici realizzati dai migliori artigiani italiani, a cura di Fondazione Cologni dei Mestieri d’Arte.

4) Container, nuovo modo di esporre ed abitare
Altro tema di grande attualità è l’ISBU (Intermodal Steel Building Units and Container Homes), sviluppato nell’area esterna di Superstudio attraverso svariate proposte di container design, case nomadi eco-tecnologiche e mostra fotografica che racconta come in tutto il mondo la trasformazione dei container marittimi abbia prodotto incredibili architetture.

5) Art interactions, l’arte contemporanea dialoga con lo spazio

Ad esplorare i sempre più labili confini tra arte contemporanea e design, ma sottolineando anche la vicinanza temporanea tra Miart e Salone del Mobile, intervengono le Art Interactions, installazioni site-specific affidate ad artisti d’avanguardia che lavorano con la luce, i video, l’interattività, lo spazio, la rete, prodotti e curati direttamente da Superstudio.

Comments are closed.