Arturo Martini. Armonie, figure tra mito e realtà, al MIC di Faenza

0

La Nena, 1930 c., terracotta refrattaria, cm 46x32x30, Fondazione De Mari – Cassa di Risparmio di SavonaAl Museo Internazionale delle Ceramiche a Faenza è allestita la mostra “Arturo Martini – Armonie. Figure tra mito e realtà”, a cura di Claudia Casali.

L’esposizione, aperta al pubblico dal 13 ottobre al 30 marzo 2014, è compresa in un percorso più ampio, realizzato insieme a Genus Bononiae, dedicato alla figura dello scultore del Novecento e che vede, a Bologna, a Palazzo Fava, fino al 12 gennaio 2014, in mostra “Arturo Martini – Creature. Il Sogno della terracotta” a cura di Nico Stringa.

A Bologna, si è voluto ricostruire, con 16 grandi terrecotte, il così detto “periodo del canto” che, tra il 1928 e il 1932, vide lo scultore toccato da un momento di sublime e alta creatività poetica.

A Faenza è possibile ammirare una selezione di 50 opere scelte tra capolavori, inediti e opere poco esposte.

In mostra sarà così possibile ammirare i pezzi più significativi del suo percorso artistico, pezzi rari, straordinari e poco visti, come le ceramiche Gregorj degli inizi, Gli amanti a cavallo, l’Odalisca, la Maternità e l’inedito Fiaba. Si tratta di opere realizzate con diverse tecniche, maiolica, legno, bronzo, gesso, terracotta che attraversano le tappe più significative della sua poetica.

Comments are closed.