La seduzione del monocromo, riflessioni contemporanee su Mattia Preti

0

Francesco Guerrieri, Apparizione della Croce di Malta. Omaggio a Mattia Preti,2013,acrilico su tela,100 x 80Il Museo Bretti e degli Enotri di Cosenza ospita dal 28 novembre 2013 al 30 dicembre 2013 la mostra “La seduzione del monocromo, riflessioni contemporanee su Mattia Preti”.

In esposizione le opere di ventisette artisti quali: Salvatore Anelli, Salvatore Astore, Bizhan Bassiri, Renata Boero, Nicola Carrino, Vittorio Corsini, Elvio Chiricozzi, Bruno Ceccobelli, Giulio De Mitri, Bruna Esposito, Franco Flaccavento, Giuseppe Gallo, Francesco Guerrieri, Jannis Kounnellis, Luigi Mainolfi, Albano Morandi, Hideoshi Nagasawa, L. Maria Patella, Tarcisio Pingitore, Alfredo Pirri, Oliviero Rainaldi, Alfredo Romano, Renato Rainaldi, Carlo Rea, Marco Nero Rotelli, Giuseppe Salvatore, Antonio Violetta e un video di Orazio Garofalo.

Un confronto tra una figura tipicamente seicentesca e l’arte contemporanea, invitando ad una riflessione che ponga un accento sugli elementi condivisi fra le due realtà, come ad esempio il nomadismo, traendo spunto dalla sua specifica poetica e dal suo modo di concepire la materia pittorica attraverso la seduzione del monocromo che le è insita.

La mostra è promossa dal Centro Internazionale di Ricerca per la Cultura e le Arti Visive Contemporanee Vertigo Arte e dal Comune di Cosenza con il patrocinio della Provincia di Cosenza e l’Università degli Studi della Calabria.

Comments are closed.