B / reflected. Max&douglas, mostra alla Triennale di Milano

0

Diego Abatantuono

La Triennale di Milano dal 15 gennaio al 16 febbraio 2014 ospita ala mostra B / reflected – max&douglas.

B come il lato meno conosciuto, ma anche B come beyond nel senso di oltre, come spiegano max&douglas che, con la scelta di questo titolo anglofono, sottolineano la natura sperimentale del loro progetto.

Cinquanta personaggi a vario titolo famosi, uomini e donne, si sono messi in gioco partecipando al rito creativo, ognuno aggirando il proprio convenzionale narcisismo per scoprirne uno nuovo che consente di osservarsi, studiarsi e sorprendersi accettando il rischio dell’imperfezione.

Gli autori vanno oltre il ritratto. Per realizzare queste immagini, hanno utilizzato uno specchio, facendone la barriera corporea che separa il fotografo dal soggetto, generando un effetto che rimanda al mittente la propria immagine. E il riflesso, l’altra faccia di sé, disegna la nuova identità, inevitabilmente diversa da quella pubblica, che i personaggi sono soliti dare di loro stessi. Quasi autoscatti, in cui al protagonista è restituito l’ambiguo potere di essere soggetto creativo e oggetto creato dell’immagine stessa.

I personaggi sono: Diego Abatantuono, Stefano Accorsi, Gigio Alberti, Albertino, Giovanni Allevi, Anna Ammirati, Laura Barriales, Rachele Bastreghi, Enrico Bertolino, Francesco Bianconi, Paolo Bonolis, Roberto Cacciapaglia, Fabio Cannavaro, Giuseppe Cederna, Marco Cocci, Ugo Conti, Cesare Cremonini, Lucio Dalla, Fabio De Luigi, Elio, Lapo Elkann, Francesco Facchinetti, Pierfrancesco Favino, Zucchero Fornaciari, Ivano Fossati, Gianluca Grignani, Enzo Iacchetti, Vanessa Incontrada, La Pina, Linus, Luca&Paolo, Filippo Magnini, Enrico Mentana, Mario Monicelli, Giorgio Pasotti, Platinette, Alessandro Preziosi, Eros Ramazzotti, Massimo Ranieri, Alba Rohrwacher, Red Ronnie, Massimiliano Rosolino, Gabriele Salvatores, Giuliano Sangiorgi, Claudio Santamaria, Nicola Savino, Rocco Tanica, Davide Vandesfroos, Dario Vergassola e Alex Zanardi.

Comments are closed.