Firenze |Il potere dello sguardo

0

Il potere dello sguardo

Il Museo delle Cappelle Medicee, a Firenze, dall’ 8 gennaio al 15 marzo 2014, in occasione dei 450 anni dalla morte di Michelangelo Buonarroti, presenta la mostra “Il potere dello sguardo”, che propone le suggestive immagini di Aurelio Amendola, fotografo d’arte esperto nel ritrarre opere scultoree.

L’artista pistoiese espone 23 fotografie in bianco e nero – tutte stampate in grandi dimensioni – raffiguranti le sculture della Sagrestia Nuova di San Lorenzo, il David e i Prigioni. Si tratta di una selezione degli scatti realizzati per il volume di Michelangelo. La dotta mano pubblicato da FMR.

Il percorso espositivo presenta un primo gruppo di 15 immagini nella parte centrale della Cripta delle Cappelle Medicee, un secondo gruppo (quattro bellissime immagini del David) è collocato nella tribunetta di destra dove si trovano le sepolture di Cosimo I de’ Medici e di alcuni suoi familiari, mentre una terza sezione, con due fotografie dei Prigioni, è nella tribunetta opposta, dove riposano Ferdinando I, la moglie e due figli.

Oltre alle fotografie visibili nella Cripta, Amendola ne espone altre due – oggetto di una donazione al museo stesso da parte di Utet Grandi Opere FMR – che raffigurano alcuni particolari dei disegni murali presenti nella “stanza segreta” dove si crede Michelangelo si nascondesse per qualche tempo durante l’assedio di Firenze, nel 1530. Queste due grandi immagini sono esposte nella Cappellina di destra della Sagrestia Nuova, insieme al Coronamento metallico (disegnato dallo stesso Michelangelo) che una volta si trovava nella parte superiore della lanterna, sopra la stessa Sagrestia.

Comments are closed.