Il cibo nell’arte. Capolavori dei grandi maestri dal Seicento a Warhol

0

Emilio Longoni, Tavolo con angurie, olio su tela, 62x120 cm Collezione privata

Oltre 100 opere di grandi maestri saranno in mostra, dal 24 gennaio al 14 giugno 2015, a Brescia nelle sale di Palazzo Martinengo. Artisti del passato, tra i quali Campi, Baschenis, Ceruti, Figino, Recco, Ruoppolo, Stanchi, dialogheranno con autori moderni, da Magritte a de Chirico, da Manzoni a Fontana, a Lichtenstein, fino a Andy Warhol.

La rassegna, condurrà il pubblico in un lungo ed emozionante viaggio attraverso le diverse correnti pittoriche succedutesi nel corso del tempo – dal Barocco al Rococò, dal Romanticismo ottocentesco alle avanguardie del Novecento – per apprezzare le varie iconografie correlate alla rappresentazione del cibo che gli artisti hanno affrontato con estro e originalità.

Dieci saranno le sezioni tematiche: L’allegoria dei cinque sensi, Mercati dispense e cucine, La frutta, La verdura, Pesci e crostacei, Selvaggina da pelo e da penna, Carne salumi e formaggi, Dolci vino e liquori, Tavole imbandite, Il cibo nell’arte del XX secolo.

Chiuderà idealmente la visita la spettacolare Piramide alimentare, installazione appositamente realizzata per l’occasione dall’artista Paola Nizzoli.

Tra i capolavori in mostra i Mangiatori di ricotta di Vincenzo Campi, il Piatto di pesche di Ambrogio Figino, il Tavolo con angurie del pittore divisionista Emilio Longoni e l’Ultima Cena di Andy Warhol, un acrilico su tela che reinterpreta in chiave pop il Cenacolo di Leonardo.

L’esposizione, curata da Davide Dotti, è promossa dall’Associazione Amici di Palazzo Martinengo, con il patrocinio della Provincia di Brescia, Regione Lombardia e di EXPO 2015 ed è accompagnata da un catalogo pubblicato da Silvana Editoriale.

Comments are closed.