Roma | All’Accademia d’Ungheria eventi sulla cultura dei rom ungheresi

0

Parno Graszt

L’Accademia d’Ungheria di Roma presenta, dal 5 dicembre 2014 al 25 gennaio 2015, una serie di eventi che riflettono la cultura dei rom ungheresi chiamando in aiuto l’arte visiva, la musica e il film.

Il primo evento in programma è una mostra degli artisti ungheresi di origine rom dal titolo Là e oltre che resterà aperta al pubblico dal 5 dicembre 2014 al 25 gennaio 2015.
L’esposizione, curata da Edit Kőszeghi e Pál Németh, presenta le opere di Márta Bada, János Balázs, András Balázs Balogh, Tibor Balogh, János Amigo Bogdán, Henrik Kállai, Erika Lakatos, Jolán Oláh, Omara Mara Oláh e le foto di András Farkas.

Nella Sala Liszt dell’Accademia d’Ungheria il 5 dicembre 2014, alle 20.30, subito dopo l’inaugurazione della mostra, si terrà un concerto del gruppo folcloristico ungherese Parno Graszt (Cavallo Bianco), interprete della tradizione della musica zingara in Ungheria.
La finalità del gruppo è quella di trasmettere l’autentica musica zingara con strumenti d’epoca e di illustrarla con balli folcloristici.

In programma, inoltre, la proiezione di due film ungheresi. Il 10 dicembre 2014 alle 19.30 nella Sala Liszt dell’Accademia sarà proiettato il film Sei Nudo (1971, 93 min, titolo originale: Meztelen vagy, in ungherese con sottotitoli italiani) di Imre Gyöngyössy. Il secondo film, Romani Kris (1998, 90 min, in ungherese con sottotitoli italiani) di Bence Gyöngyössy sarà presentato il 17 dicembre 2014 alla 19.30 nella Sala Liszt.
Entrambi i film analizzano il conflitto tra l’ordine arcaico della comunità rom e la pressione della modernizzazione e per l’integrazione da parte della società circostante.

Comments are closed.