Roma | L’Età dell’Angoscia, mostra ai Musei Capitolini

0

L’Età dell’AngosciaL’Età dell’Angoscia. Da Commodo a Diocleziano (180-305 d.C.)” è il titolo della mostra che dal 28 gennaio al 4 ottobre 2015 resterà aperta al pubblico ai Musei Capitolini di Roma.

L’esposizione apre una riflessione sulla questione della decadenza dell’Impero Romano proponendo il susseguirsi di immagini, secondo un montaggio analitico, che testimoniano una fenomenologia assoluta e ciclica da un punto di vista temporale.

La prima sezione, I protagonisti, con circa 92 opere è una ricca presentazione di ritratti, statue e busti degli imperatori regnanti, delle loro mogli e dei cittadini più abbienti dell’epoca; la seconda sezione, L’esercito, presenta con oltre 20 opere l’esercito come uno dei grandi protagonisti della nuova epoca; la terza sezione, dedicata a La città di Roma con 14 opere, racconta i grandi cambiamenti che nel III secolo segnano profondamente la città di Roma nella sua identità; la quarta sezione, La Religione, attraverso 52 opere racconta l’importante fenomeno dell’arrivo in città di culti orientali; la quinta sezione, Le ricche dimore private e i loro arredi, con circa 30 opere offre uno sguardo sugli spazi privati, i gusti e gli arredi domestici delle più ricche dimore private dell’epoca; la sesta sezione, Vivere (e morire) nell’impero, con circa 7 opere racconta i cittadini romani al di fuori della Capitale; la settima sezione, I costumi funerari, è composta di 24 opere: sarcofagi, rilievi e pitture con una ricca presentazione di temi e soggetti, tratti dai repertori dei miti tradizionali e innovati secondo linguaggi e gusti ormai del tutto differenti.

La mostra è il quarto importante appuntamento del ciclo “I Giorni di Roma”, progetto quinquennale di mostre che alterna esposizioni a carattere prettamente monografico (Ritratti. Le tante facce del potere, Costruire un Impero), a mostre dal taglio diacronico (L’Età della Conquista, L’Età dell’Equilibrio, L’Età dell’Angoscia), dall’epoca repubblicana fino all’epoca tardo-antica.

Comments are closed.