Trento | L’arte per la vita: l’opera di Ermete Bonapace

0

Opera di Ermete BonapaceAl piano nobile di Palazzo Roccabruna di Trento dal 27 febbraio al 12 aprile 2015 è in programma la mostra “L’arte per la vita: l’opera di Ermete Bonapace”, curata da Mario Cossali e Katia Fortarele.

L’esposizione dedicata all’artista trentino si compone di 24 opere scultoree – 3 marmi, 3 bronzi e 18 gessi – appartenenti alla collezione di famiglia.
A fare da sfondo al percorso che si snoda tra le stanze del palazzo, sette ingrandimenti fotografici di immagini storiche (oggi conservate nel fondo archivistico di Ermete Bonapace presso la Fondazione Museo storico del Trentino) che contribuiscono a comprendere il quadro complessivo dell’attività scultorea di Ermete Bonapace svolta su diversi fronti.

La biografia di Ermete Bonapace si intreccia con le vicende storiche e soprattutto con i momenti più drammatici che hanno segnato la storia trentina della prima metà del Novecento. Nato il 24 marzo 1887 a Mezzolombardo, dopo essersi formato dapprima all’Accademia di Belle Arti di Vienna, poi all’Accademia Albertina di Torino e infine alla Scuola libera con modello vivente del Regio Istituto di Belle Arti di Roma, partecipa, come molti altri trentini, alla prima guerra mondiale in divisa austroungarica e viene fatto prigioniero in Russia. Rientrato in Trentino, per tutti gli anni Venti e Trenta partecipa attivamente alla vita intellettuale e artistica della sua città con il Circolo Artistico Trentino, presieduto da Luigi Bonazza, e viene nominato segretario del Sindacato pittori e scultori di Trento, ruolo che gli permette di partecipare, non solo come espositore ma anche come organizzatore, a tutte le principali mostre sindacali tenutesi in regione tra Trento e Bolzano fino alla sua morte, occorsa il 2 settembre 1943.

Comments are closed.