Raffaele Cantone con Gianluca Di Feo – Il male italiano

0

Raffaele Cantone con Gianluca Di Feo - Il male italianoÈ in libreria, da giovedì 19 marzo 2015, il libro “Il male italiano. Liberarsi dalla corruzione per cambiare il Paese“, scritto dal  dal Presidente della prima struttura creata nel nostro Paese per affrontare il problema della corruzione, Raffaele Cantone, con il giornalista Gianluca Di Feo, che ha seguito tutti gli scandali di tangenti.

Cantone sostiene la necessità di un intervento sistematico «con tre pilastri che funzionino in sinergia. Serve prevenire, anche mettendo in campo nuovi meccanismi, agendo sul piano amministrativo. Deve continuare la repressione penale affidata alla magistratura e alle forze dell’ordine, con strumenti d’indagine più incisivi e processi efficaci. Ma è indispensabile una grande presa di coscienza della pericolosità del male, del danno che crea a tutti i cittadini, una vera rivoluzione culturale. Da sola, ciascuna di queste azioni non ha speranza di risolvere il problema».
È quello che è accaduto venti anni fa con Mani Pulite: l’eccezionale attività del pool di Milano non è riuscita
a cambiare il Paese perché «dopo operazioni chirurgiche anche profonde e ben riuscite non c’è mai stata
prevenzione. La corruzione è un cancro: uccide una società azzerando lentamente il merito e la concorrenza, nelle imprese, nella burocrazia, nei partiti, e finisce persino per incentivare la “fuga dei cervelli”, delle energie migliori del nostro Paese. Ma dopo un intervento con il bisturi, cosa si fa per impedire che il male torni a svilupparsi? Si prosegue con le terapie, accompagnate da quello che i medici chiamano “un nuovo stile di vita”, eliminando vizi e abitudini malsane. In Italia non si è mai neppure provato a fare prevenzione».

Nel libro il Presidente dell’Autorità anticorruzione passa in rassegna le tre vicende di cui si è occupato
direttamente: Expo, Mose e Mafia Capitale. «Oggi il mercato della corruzione non è gestito dai partiti, ma da tanti gruppetti che operano per se stessi, muovendosi in autonomia e sfruttando i legami con la politica per costruire carriere personali. Spesso queste consorterie sono trasversali, mettono insieme figure di schieramenti diversi, in modo da garantirsi maggiori possibilità di riuscita. Stando alle ultime indagini, è una tendenza generalizzata: nel caso di Expo si trattava di gruppi forse meno organizzati ma che comunque
facevano riferimento a partiti che dovrebbero trovarsi su sponde diverse, mentre sul Mose è stata
smascherata una rete che legava Venezia, la Regione Veneto e i ministeri romani. Ma lo scandalo che meglio ritrae la mutazione del male è senza dubbio Mafia Capitale: un nucleo di potere che muove pedine di ogni colore, infischiandosene delle logiche di partito. La politica svolge un ruolo strumentale, del tutto asservita ai comitati d’affari».

Nel libro c’è una parte dedicata alle Fondazioni, che sono diventate il canale principale di finanziamento
della politica e rispetto alle quali è necessaria massima trasparenza «non solo sulle entrate, ma anche sulle
uscite. Un partito o una fondazione che si occupa soprattutto di politica deve essere una casa di cristallo. Ciò significa che tutte le entrate e tutte le spese vanno certificate, devono essere noti i nomi dei dipendenti, dei consulenti, dei fornitori. È l’unico antidoto. Che si tratti di soldi pubblici o privati, i cittadini devono sapere chi finanzia la politica in tutte le sue forme».

Trasparenza è la parola chiave dell’attività di Cantone, lo strumento per combattere tutti i conflitti
d’interesse: «È una rivoluzione copernicana, che permette di entrare in profondità nella vita degli uffici e
rende i cittadini soggetti attivi».
Nella pubblica amministrazione bisognerebbe premiare le energie migliori, permettendo che sia il merito a
decidere le carriere, che invece oggi «sono troppo spesso una proiezione degli equilibri politici: fa strada
chiunque si dimostri fedele all’esponente di un partito o di un gruppo di potere in auge».

Ma a cambiare la situazione devono essere anche i cittadini, spesso tolleranti verso i corrotti. «Troppi pensano che la questione non li riguardi. Sono rassegnati e si dicono: “È andata sempre così”. Ma è proprio perché è andata sempre così che adesso siamo ridotti male! Il codice penale sostiene che le tangenti sono reati contro la pubblica amministrazione. Forse è vero dal punto di vista tecnico-giuridico, ma dal punto di vista dell’impatto sociale sono reati contro tutti, anche contro quelli che apparentemente non pensano di subire danni. L’imprenditore recupera il costo della mazzetta sulla qualità delle opere: quanti sono i ponti tirati su con cemento scadente? È per questo che in tante città abbiamo uffici, scuole, ospedali, strade e servizi mediocri. Il prezzo della corruzione lo paghiamo tutti».

Raffaele Cantone, già pm alla Direzione distrettuale antimafia, è magistrato della Cassazione e attualmente presidente dell’Autorità anticorruzione con l’incarico di vigilare anche su Expo 2015. Ha pubblicato Solo per giustizia (Mondadori 2008), Operazione Penelope (Mondadori 2012) e, con Gianluca Di Feo, I gattopardi (Mondadori 2010) e Football clan (Rizzoli 2012).

Gianluca Di Feo, giornalista, si occupa da venticinque anni, prima al “Corriere della Sera” e ora all’“Espresso”, di criminalità organizzata, corruzione, traffico d’armi e servizi segreti. Ha pubblicato Veleni di Sato (Rizzoli 2009).

Scheda libro

Autori: Raffaele Cantone con Gianluca Di Feo
Titolo: Il male italiano
Editore: Rizzoli
Collana: Saggistica
Prezzo: € 17,50
Pagine: 198
Anno: 2015

Comments are closed.