Venezia, Museo Correr | Arte in Germania al tempo della Repubblica di Weimar

0
Otto Dix (1891-1969), Ritratto dell’avvocato Hugo Simons/Portrait of the Lawyer Hugo Simons, 1925, olio e tempera su tavola/ Tempera and oil on plywood, cm 100,3 x 70,3, Montreal Museum of Fine Arts, © Otto Dix, by SIAE 2015– The Montreal Museum of Fine Arts

Otto Dix (1891-1969), Ritratto dell’avvocato Hugo Simons/Portrait of the Lawyer Hugo Simons, 1925, olio e tempera su tavola/ Tempera and oil on plywood, cm 100,3 x 70,3, Montreal Museum of Fine Arts, © Otto Dix, by SIAE 2015– The Montreal Museum of Fine Arts

“Nuova Oggettività. Arte in Germania al tempo della Repubblica di Weimar, 1919-1933” è il titolo della mostra che dal primo maggio al 30 agosto 2015 resterà aperta al pubblico al Museo Correr di Venezia.

L’esposizione, a cura di Stephanie Barron, è composta da centoquaranta opere tra dipinti, fotografie, disegni e incisioni di quarantatre artisti, molte delle quali poco conosciute.

Accanto a figure di primo piano come Otto Dix, George Grosz, Christian Schad, August Sander e Max Beckmann, i cui percorsi eterogenei sono essenziali per comprendere la modernità dell’arte tedesca, l’esposizione consente di scoprire nomi meno noti al grande pubblico, tra cui Hans Finsler, Georg Schrimpf, Heinrich Maria Davringhausen, Carl Grossberg e Aenne Biermann.

La mostra è suddivisa in cinque sezioni tematiche: La vita nella democrazia e le conseguenze della guerra evidenzia la disparità tra la borghesia in ascesa e le categorie sociali più colpite dal conflitto: reduci di guerra, disoccupati, prostitute, vittime della violenza e della corruzione politica; La città e la natura del paesaggio indaga il divario crescente tra uno scenario urbano sempre più industrializzato e un mondo rurale rievocato con nostalgia; Natura morta e beni di consumo si concentra su un nuovo tipo di natura morta, in cui gli oggetti della vita quotidiana, spesso prodotti in serie, sono allestiti in composizioni che si presentano come “ritratti di oggetti”; L’uomo e la macchina esplora i diversi approcci adottati dagli artisti verso gli effetti di trasformazione e al contempo di disumanizzazione che il rapido processo di industrializzazione produce; Nuove identità: tipi umani e ritrattistica illustra una nuova tendenza della ritrattistica che trascende l’individualità del soggetto per enfatizzarne l’appartenenza a una categoria sociale.

L’esposizione è organizzata dal Los Angeles County Museum of Art (LACMA) in collaborazione con la Fondazione Musei Civici di Venezia e con 24 ORE Cultura – Gruppo 24 ORE.

Comments are closed.