Padova | Jean Dubuffet. Il Teatro del Suolo

0

Jean Dubuffet: Chaussée terreuse, 4 da Aires et lieux. All images of Jean Dubuffet works © SIAE, Roma 2015Gli spazi espositivi del nuovo Giardino della biodiversità dell’Orto botanico di Padova, Patrimonio Unesco, dal 26 giugno al 31 ottobre 2015 ospitano la mostra “Jean Dubuffet. Il Teatro del Suolo“.
In esposizione i 324 lavori litografici di Dubuffet e, a 51 anni dalla sua prima esposizione italiana, il ciclo dei Phénomènes, realizzato tra il 1958 e il 1962.

Nel corso degli anni Cinquanta, Dubuffet ha dato vita a una lunghissima sequenza di opere, in seguito ricondotte al tema della celebrazione del suolo, finalizzate a indagare la terra, l’acqua, la vita vegetale e minerale dal punto di vista simbolico, estetico, fenomenologico. Dubuffet, imitando idealmente l’opera della natura stessa, ha fatto sì che le immagini si generassero in modo quasi spontaneo dall’assemblaggio di elementi botanici o in virtù di processi operativi d’ordine sperimentale, in cui l’autore ha unito alla perizia dell’artigiano quella del chimico. Quest’ultimo aspetto si dispiega con esiti sorprendenti proprio nei Phénomènes.
In questi lavori, oltre a raccogliere sulla carta le impronte di diverse superfici individuate nell’ambiente che lo circondava, Dubuffet ha fatto ricorso a procedimenti quali la polverizzazione, l’irrigazione e l’emulsione di liquidi sulla pietra litografica, orientandoli verso il raggiungimento di possibili analogie visive con i fenomeni relativi alla natura e alla terra in particolare. L’esito è uno spettacolare “atlante” di immagini a colori e in bianco e nero, apparentemente astratte eppure verosimili; una classificazione puntuale, quanto poetica, di avvenimenti grandi e impercettibili, visibili e invisibili, in cui l’autore sembra osservare e reimmaginare il mondo attraverso gli occhi del geologo, del botanico, dell’agrimensore, dell’artista.

L’esposizione, promossa dall’Università degli Studi di Padova con il contributo di UniCredit, è curata da Nicola Galvan.

Comments are closed.