Zucchero, Black Cat conquista il platino – A settembre all’Arena di Verona

0

Zucchero Fornaciari - Black CatIl nuovo album di inediti “ Black Cat ” di Zucchero “Sugar” Fornaciari conquista il platino.
Black Cat ”, prodotto da tre grandi nomi del panorama internazionale, T Bone Burnett, Brendan O’Brien e Don Was, si compone di 13 brani dalle nervature rock-blues.
L’album annovera anche la collaborazione artistica di Bono, che in seguito alla tragedia avvenuta al Bataclan di Parigi ha scritto con Zucchero il brano “Streets Of Surrender (S.O.S.)”, la partecipazione alle chitarre di Mark Knopfler, che suona sia nel brano “Streets Of Surrender (S.O.S.)” sia nel brano “Ci si arrende”, e il contributo artistico di Elvis Costello che ha scritto la versione inglese del brano “Love Again“, dal titolo “Turn the world down” (canzone presente solo nelle versioni estere di “Black Cat”).

Dal 16 settembre 2016, “ Black Cat ” verrà presentato live da Zucchero all’Arena di Verona con 11 concerti, per poi proseguire con un tour che impegnerà l’artista in tutto il mondo. Saranno “10+1” gli show previsti a settembre in cui l’artista porterà in scena uno spettacolo unico.
Durante gli undici appuntamenti live, la città di Verona si trasformerà nella “città di Zucchero” grazie anche a delle iniziative collaterali che mirano a consolidare il rapporto tra l’artista e la città veneta.
Verrà, infatti, allestita nei pressi dell’Arena di Verona una mostra interamente dedicata a Zucchero, una retrospettiva per celebrare, attraverso immagini e parole, una tra le carriere più importanti della musica italiana e non solo. Un’occasione per rivivere le numerose tappe e i momenti di successo degli oltre trent’anni di attività del bluesman italiano, dagli esordi fino ai riconoscimenti internazionali.

Intanto, dopo “Partigiano Reggiano”, brano che ha anticipato l’uscita di “ Black Cat ”, è attualmente in rotazione radiofonica e da settimane nella Top Ten dei brani più ascoltati in radio “13 Buone Ragioni”, canzone coinvolgente prodotta dal celebre Don Was.

Comments are closed.