Hokusai, Hiroshige e Utamaro a Palazzo Reale di Milano

0
Katsushika Hokusai, La grande onda presso la costa di Kanagawa, dalla serie Trentasei vedute del monte Fuji, 1830-1832 circa, Silografia policroma, 25,9 x 38,5 cm, Honolulu Museum of Art

Katsushika Hokusai, La grande onda presso la costa di Kanagawa, dalla serie Trentasei vedute del monte Fuji, 1830-1832 circa, Silografia policroma, 25,9 x 38,5 cm, Honolulu Museum of Art

Palazzo Reale di Milano presenta, fino al 29 gennaio 2017, una mostra dedicata a Katsushika Hokusai (1760-1849), Utagawa Hiroshige (1797-1858) e Kitagawa Utamaro (1753-1806).
L’esposizione propone un viaggio nel mondo artistico e umano dei tre maestri che ancora oggi, come nei secoli precedenti, influenzano scuole e artisti del Giappone e dell’Europa, contrapponendo all’etica del samurai il piacere di ogni singolo momento e il divertimento in ogni sua forma.

Attraverso 200 silografie policrome e libri illustrati, provenienti dalla collezione del prestigioso Honolulu Museum of Art, il pubblico della mostra può vivere una duplice esperienza: da un lato provare la stessa meraviglia che provarono davanti alla freschezza e semplicità di forme e colori artisti come Monet, Van Gogh, Degas, Toulouse-Lautrec e che contribuì a cambiare e rivoluzionare il linguaggio pittorico della Parigi di fine Ottocento; dall’altro conoscere le peculiarità tecniche, l’abilità e l’eccentricità dei singoli artisti.

Il percorso espositivo è articolato in 5 sezioni (Paesaggi e luoghi celebri: Hokusai e Hiroshige; Tradizione letteraria e vedute celebri: Hokusai; Rivali di “natura”: Hokusai e Hiroshige; Utamaro: bellezza e sensualità; I Manga: Hokusai insegna), mettendo in luce il mercato dell’immagine dell’epoca, che richiedeva di trattare soggetti precisi, luoghi e volti ben noti al pubblico, temi e personaggi alla moda.

«Si apre al pubblico una grande mostra, autorevole nella curatela e affascinante nel percorso, che svela ai visitatori una poetica, una tecnica e un immaginario nati in luoghi a noi lontani nel tempo e nello spazio, ma importanti per la formazione della sensibilità artistica europea – dichiara l’assessore alla Cultura del Comune di Milano Filippo Del Corno –.  Milano accoglie questo prestigioso progetto espositivo con grande partecipazione, come sempre accade con le proposte artistiche di qualità che il Comune realizza negli ultimi anni, spesso in rete o in partnership con altre istituzioni o privati, offrendo occasioni di approfondimento scientifico, artistico e culturale sul mondo giapponese che culmineranno il 7 dicembre con l’apertura della stagione del teatro alla Scala con ‘Madama Butterfly’ di Giacomo Puccini, testimonianza eccellente di come e di quanto l’immaginario giapponese abbia influenzato il nostro».

La mostra, curata da Rossella Menegazzo, è promossa e prodotta da Comune di Milano-Cultura, Palazzo Reale e MondoMostre ed è accompagnata da un catalogo edito da Skira.
Il progetto si inserisce all’interno delle celebrazioni del 150° anniversario delle relazioni tra Giappone e Italia, avviate con la stipula del primo Trattato di Amicizia e Commercio firmato dai due Paesi il 25 agosto 1866.

Comments are closed.