Cultura senza ostacoli alla Galleria Nazionale delle Marche

0

Cultura senza ostacoli alla Galleria Nazionale delle MarcheCon il progetto Cultura senza ostacoli alla Galleria Nazionale delle Marche – Un percorso nel Rinascimento, inaugurato il 15 dicembre 2016, la prestigiosa istituzione con sede nel Palazzo Ducale di Urbino intende offrire l’opportunità di una migliore fruizione ai visitatori non vedenti e ai non udenti attraverso nuovi percorsi multisensoriali.

Sarà, così, possibile apprezzare l’architettura rinascimentale del Palazzo ducale attraverso la sua riproduzione in due modelli, di cui uno piccolo volumetrico, l’altro più grande che riproduce la bicromia del laterizio e della pietra apprezzabile anche dagli ipovedenti.

Il Museo Omero, in particolare, ha tradotto in bassorilievi di resina tre celebri dipinti esposti in Galleria: la Città ideale, la Muta di Raffaello, la Madonna di Senigallia di Piero della Francesca; ha realizzato tutte le didascalie in Braille e a caratteri grandi del percorso tattile, con descrizioni audio fruibili tramite tecnologia NFC, e cinque pubblicazioni dedicate al Palazzo Ducale scritte in Braille e illustrate con disegni a rilievo.

Ai visitatori non udenti la Galleria metterà a disposizione come ausilio alla visita il servizio delle audio videoguide nella Lingua dei segni italiana. Le audio videoguide sono in totale 15, hanno anche i sottotitoli sia in italiano che in inglese per i visitatori stranieri e l’audio bilingue.

Il progetto di valorizzazione Cultura senza ostacoli è stato realizzato grazie al finanziamento ricevuto nel 2014 dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo per il potenziamento della fruizione museale della Galleria Nazionale delle Marche con l’abbattimento delle barriere sensoriali e favorire l’accesso dei disabili alla cultura.

Il progetto rappresenta solo la prima fase di un programma che la Galleria Nazionale delle Marche continuerà a realizzare per rendere accessibile tutto il Palazzo Ducale alle persone con diverse disabilità.

Comments are closed.