Raige e Giulia Luzi in gara al Festival di Sanremo con il brano “Togliamoci la voglia”

0

Raige e Giulia LuziCon il brano “Togliamoci la voglia”, Raige e Giulia Luzi parteciperanno alla 67^ edizione del Festival di Sanremo.
Il brano è un perfetto mix di rap e pop composto dallo stesso rapper piemontese con Zibba, Antonio Iammarino e Luca Chiaravalli. È proprio nello studio di Chiaravalli che Raige e Giulia si sono conosciuti e hanno dato vita a questo brano.

Alex Andrea Vella (Torino, 20 agosto 1983) alias Raige, è una figura di spicco della scena rap italiana. Dopo l’esordio con gli Onemic, nel 2006 esce il suo primo album da solista “Tora-Ki”. Un debutto esaltante: il disco prodotto da Zonta è considerato ancora oggi una pietra miliare del rap italiano. Nel percorso artistico di Raige si contano numerosi “featuring” di prestigio tra cui Salmo, Emis Killa, Jake La Furia, Tormento, Simona Molinari e Annalisa con il singolo “Dimenticare mai”. Dopo “Buongiorno L.A.” e il singolo “Whisky”, il 9 settembre 2016 è uscito “Alex” (che debutta ai vertici della classifica di vendita), il nuovo album di inediti di Raige anticipato dai singoli “Il rumore che fa” feat. Marco Masini e da “Domani”.

La carriera di Giulia Luzi (Roma, 3 gennaio 1994) inizia all’età di 10 anni con il doppiaggio musicale di molti personaggi di rilievo dei cartoon e dei film della Walt Disney. In seguito Giulia partecipa alle fiction tv “I Cesaroni” e  “Un Medico in Famiglia”, dove, oltre a recitare, è anche interprete della sigla-tormentone “Je t’aime”. Nel 2013 David Zard e Giuliano Peparini la scelgono come protagonista principale del musical di straordinario successo “Romeo e Giulietta – Ama e cambia il mondo”. Nel 2015 Giulia debutta nel mondo discografico con il singolo “L’amore che torna”. Nello stesso anno entra a far parte del cast di “Tale e Quale Show” a cui partecipa anche l’anno successivo. A giugno 2016 pubblica, come autrice e interprete, “Un abbraccio al sole”, un brano dalle sonorità elettro-pop, e il secondo singolo “Viversi in un attimo”.

Comments are closed.