Visioni dal nord. Pittura estone dalla collezione Enn Kunila a Firenze

0
Ants Laikmaa 1911-1912 Veduta da Capri - Opere della collezione Kunila

Ants Laikmaa 1911-1912 Veduta da Capri – Opere della collezione Kunila

Le opere della collezione Kunila, tra le più grandi raccolte private di pittura moderna dell’Europa nordorientale, saranno esposte, dal 4 marzo al 21 maggio 2017, presso il Museo del Novecento di Firenze.

La mostra, dal titolo “Visioni dal nord. Pittura estone dalla collezione Enn Kunila, 1910 – 1940“, presenta dipinti che ripercorrono le origini e gli sviluppi della modernità in Estonia, raccontando atmosfere, colori e paesaggi di artisti quali Ants Laikmaa, Elmnar Kits, Villem Ormisson, Endel Koks, Nikolai Triik e Herbert Lukk.

Caratterizzate da un’intensa sperimentazione cromatica, le opere testimoniano da un lato lo stretto legame di questi artisti con la natura, il paesaggio e le terre natie, dall’altro il desiderio di partecipare alla vita culturale delle capitali europee, rivelando l’influenza di correnti artistiche internazionali, fauve e post-impressioniste. Mossi dalla volontà di superare la tradizione pittorica realista, molti artisti trascorsero lunghi periodi a contatto con l’arte europea, che reinterpretarono personalmente, gettando le basi per la nascita della pittura moderna nel paese.

L’esposizione, curata da Eero Epner, dedica un’attenzione particolare a Konrad Mägi (1878-1925), considerato il primo pittore della modernità estone. Più volte associato al neoimpressionismo, all’espressionismo e al fauvismo, nell’arco della sua carriera Mägi ha delineato uno stile e un vocabolario del tutto peculiari. Tra i soggetti dei suoi paesaggi si ritrovano anche vedute di città italiane che esercitarono una forte attrazione su molti autori del periodo.

Durante i tre mesi di esposizione sono in programma film, visite guidate e conferenze.

Comments are closed.