Paolo Minoli. Metrica colore musica – Mostra a Milano

0

Paolo Minoli, Programma 5 fase 6 AR, Compenetrazioni rotatorie e loro risultanze, 1972. Acrilico su tela, 160 x 160 cmLa sede milanese della Galleria Giovanni Bonelli ospita, dal 3 marzo al primo aprile 2017, la mostra personale di Paolo Minoli dal titolo “Metrica colore musica”.

L’esposizione, a cura di Carlo Pirovano e Riccardo Zelatore, propone una sintesi del percorso artistico di Minoli, durato oltre tre decenni.

Le prove più personali di Paolo Minoli, risalenti agli anni Settanta, indagano da un lato problemi soprattutto spaziali, dall’altro esplorano le potenzialità del colore in una dialettica stringente fra superficie e ambiente, tra cromia e struttura, stabilendo un dialogo stimolante tra esito pittorico e modello tridimensionale. Il colore è adottato da Minoli come linguaggio e come forma plastica: lo spettro cromatico si fa alfabeto per un discorso che presto si avvia a una laboriosa sperimentazione.
Nello stesso contesto si va approfondendo il rapporto interiore con l’idea di tempo che si fa percepibile nella definizione spaziale sul piano dell’opera nel momento stesso della sua formulazione. Il rapporto spazio-tempo alimenterà le complesse variazioni sperimentate incessantemente nel “laboratorio” di Paolo Minoli, approfondendo l’analisi fenomenologica del colore in tutte le accezioni scientifiche e poetiche, passando dall’analisi concettuale dell’opera all’incanto dell’abbandono poetico.

Nei suoi sviluppi dagli anni Novanta alla morte prematura, avvenuta nel 2004 a 62 anni, la poetica di Minoli si fa via via più complessa e articolata, con dialoghi suggestivi e stimolanti con altri tramiti espressivi quali quelli con la musica e con la poesia. In questi anni Minoli affronta anche il linguaggio della scultura con una determinazione sempre tesa a voler sfidare, più che la materia, la negatività e il vuoto.

La mostra, accompagnata da un catalogo, è realizzata in collaborazione con la Fondazione Casaperlarte di Cantù.

Paolo Minoli (Cantù, 1942-2004) si diploma Maestro d’arte nel 1961 all’Istituto Statale d’Arte di Cantù, dove insegna dal 1964 al 1978. Dal 1977 al 1978 fa parte del gruppo di ricerca “L’interrogazione sistematica” con Nato Frascà e Antonio Scaccabarozzi. Dal 1979, all’Accademia di Belle Arti di Milano, è docente del corso speciale di Cromatologia. Nel corso degli anni ’80 ha collaborato con vari artisti fra i quali: Mario Radice, Carla Badiali, Aldo Galli, Bruno Munari, Luigi Veronesi, Max Huber, Piero Dorazio e Mario Nigro. Per iniziativa di Paolo Minoli alla sua scomparsa è stata costituita Casaperlarte – fondazione paolo minoli con sede a Cantù, finalizzata alla promozione dell’arte contemporanea nelle sue diverse espressioni.

Comments are closed.