Polizia, in mostra a Torino i 165 anni di storia In-Divisa

0

Festa della poliziaA Palazzo Madama di Torino, fino al primo maggio 2017, è allestita una mostra che presenta in sintesi le diverse fasi storiche della Polizia, dall’origine nel 1848 – quando venne istituita da Re Carlo Alberto come Amministrazione di sicurezza pubblica alle dipendenze del Ministero dell’interno – fino alle più recenti specializzazioni: dalle unità cinofile ai sommozzatori, dagli sciatori agli elicotteristi.

I compiti istituzionali assegnati ai poliziotti nella seconda metà del 1800 riguardavano in particolare “la tutela dell’Ordine Pubblico, della libertà e delle persone, la repressione dei reati e gli interventi in caso di calamità naturali”. Obiettivi che da un lato sono rimasti immutati, ma che si sono anche evoluti in relazione ai cambiamenti sociali, culturali e tecnologici. La mostra evidenzia questa costante volontà di essere al passo con i tempi.

Attraverso l’esposizione di oltre 30 oggetti, la mostra ripercorre cronologicamente l’evoluzione del Corpo, presentando al pubblico molte curiosità: dal vecchio chepì – il tradizionale copricapo militare di metà Ottocento – alla moderna divisa del reparto elicotteristi, dall’antica uniforme dell’Accademia alla moderna divisa femminile, dalla daga di metà dell’Ottocento alla macchina per la rilevazione delle impronte digitali del 1930, alla moto Guzzi “Falcone” negli anni ‘60 in uso alla Polizia Stradale.

Il percorso espositivo è arricchito anche da una selezione di immagini storiche, a testimonianza di un’Italia in continua evoluzione, in cui la presenza capillare della Polizia nella vita quotidiana viene documentata nelle foto raccolte da tanti collezionisti privati.

Nell’insieme, i tanti documenti e gli oggetti esposti raccontano la storia non solo di una Istituzione, ma, soprattutto, le storie di tanti uomini e donne In Divisa. Da qui il titolo di una mostra che mette in luce l’impegno della Polizia nel processo di unificazione di un Paese inizialmente tanto diverso tra Nord, Centro e Sud. Mettendo anche in luce il ruolo delle donne, In Divisa, entrate a far parte del Corpo dal 1959, che hanno dato un loro specifico contributo, distinguendosi soprattutto nel contrasto ai reati subiti o consumati da minorenni e dalla popolazione femminile.

Comments are closed.