Space Girls Space Women – Lo Spazio visto dalle donne in mostra a Milano

0
La scienziata Amalia Ercoli Finzi accanto ad un prototipo di rover spaziale nel laboratorio del Dipartimento di Ingegneria Aerospaziale del Politecnico di Milano. Foto Enza Tamborra - Mostra Space Girls Space Women

La scienziata Amalia Ercoli Finzi accanto ad un prototipo di rover spaziale nel laboratorio del Dipartimento di Ingegneria Aerospaziale del Politecnico di Milano. Foto Enza Tamborra

Racconta il ruolo delle donne nella ricerca spaziale la mostra che, fino al 20 giugno 2017, è aperta al pubblico al Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia “Leonardo da Vinci” di Milano.
L’esposizione “Space Girls Space Women – Lo Spazio visto dalle donne” presenta una serie di scatti realizzati da un gruppo di fotografe in tutto il mondo.

Da Nairobi a Mosca, da Bangalore a Monaco, da Milano a Colonia fino al deserto dell’Atacama si narra, dal punto di vista femminile, dello spazio, quello di oggi e quello di domani. Un’originale esposizione fotografica e multimediale per mostrare il nuovo spirito della ‘Conquista’ spaziale delle donne.

Space Girls Space Women è un progetto umano e visuale che attraverso la foto mira a promuovere il ruolo delle donne nel settore spaziale, a stimolare l’interesse delle giovani generazioni alle materie STEM (Science, Technology, Engineering e Mathematics), a mostrare la varietà dei mestieri nel settore spaziale ed a promuovere i progetti spaziali italiani ed europei.

«La scelta dell’ASI di proporre anche in Italia la mostra fotografica – afferma la direttrice generale dell’Agenzia Spaziale Italiana, Anna Sirica – rientra nell’obiettivo di ampliare quanto più possibile la conoscenza dello Spazio e di permettere alle donne di avere una maggiore consapevolezza delle possibilità del loro ruolo nella Ricerca. Vogliamo inviare un messaggio a un mondo che sembra non evolvere nella parità di genere, altrettanto in fretta quanto i risultati scientifici e tecnologici che sa raggiungere. In Italia – continua Anna Sirica – la differenza di genere è ancora un problema, anche nel mondo della ricerca. Ed è un paradosso perché nella ricerca della conoscenza non dovrebbe esistere distinzione tra uomo e donna, perché è il merito che fa progredire e affrontare sempre nuove frontiere. E la ricerca della conoscenza non ragiona di distinzione di genere, ma di qualità».

L’esposizione milanese sarà accompagnata da un pari allestimento nel mese di maggio a Roma nella sede dell’ASI.

La mostra è realizzata con il patrocinio del Comune di Milano ed è inserita nel programma del Milano Photofestival 2017.

Comments are closed.