A Perugia viaggio nella musica con gli scatti di Luca d’Agostino e Luciano Rossetti

0
Luciano Rossetti, Lucio Dalla, 2005 © Luciano Rossetti

Luciano Rossetti, Lucio Dalla, 2005 © Luciano Rossetti

La Galleria Nazionale dell’Umbria, a Perugia, presenta, dal 30 giugno al 27 agosto 2017, la mostra Immaginare la musica, un viaggio nel mondo della musica in 85 immagini, a colori e in bianco e nero, scattate da Luca d’Agostino e Luciano Rossetti.

L’esposizione, organizzata in collaborazione con il Trasimeno Music Festival e Umbria Jazz, ruota attorno all’esecuzione musicale dal vivo e agli istanti che la precedono o la seguono immediatamente, dalle prove al montaggio del palco, dall’incontro con il pubblico ai momenti di raccoglimento, di divertimento, di studio.

«Raramente l’occhio fotografico di Rossetti e d’Agostino – scrive il curatore della mostra Claudio Chianura – vuole semplicemente riprendere il musicista in concerto. Anzi, è chiara l’intenzione di muoversi oltre, di assumere una prospettiva imprevista e quanto più ricca possibile. Al punto che ogni immagine, in definitiva, mette davvero in condizione chi guarda di immaginare la musica. E il gioco, la sfida, è tanto più stimolante se le musiche rappresentate sono molte e diversissime, com’è il caso delle fotografie qui selezionate che spaziano dal jazz alla classica, dal reggae alla canzone d’autore, dal rock alla sperimentazione colta».

Tra i protagonisti degli scatti troviamo, infatti, un campionario assai diversificato che tocca estremi come Arvo Pärt e Lucio Dalla, passando attraverso Uto Ughi e Bruno Canino, Michel Petrucciani, Vinicio Capossela, Sting, Yuja Wang, Patti Smith, Stefano Bollani con Antonello Salis, Markus Stockhausen, Paolo Conte.

Il jazz va al museo, progetto elaborato per il museo da Umbria Jazz, proporrà inoltre una serie di nove concerti – in programma tutti i giorni a mezzogiorno, da sabato 8 a domenica 16 luglio – nella sala Podiani della Galleria Nazionale dell’Umbria.

La mostra è accompagnata da un catalogo pubblicato da Silvana Editoriale.

Comments are closed.