Bollate – A Villa Arconati la quarta edizione di Terraforma

0

Villa ArconatiGiunge alla quarta edizione Terraforma, il festival internazionale di musica dedicato alla sperimentazione artistica e alla sostenibilità ambientale, in programma il 23, 24 e 25 giugno 2017 nell’incantevole bosco di Villa Arconati a Bollate (Milano).

Prodotta da Threes in collaborazione con Fondazione Augusto Rancilio, Terraforma è un’esperienza musicale immersiva di tre giorni, dove performance musicali dal vivo, laboratori, incontri con gli artisti, installazioni nel verde e camping accolgono ospiti da tutto il mondo.

Tra i protagonisti dell’evento Andrew Weatherall, il produttore inglese acclamato fin dal lavoro con i Primal Scream, che porta in diretta radiofonica il suo djset mensile Music’s Not For Everyone per l’emittente online NTS; la pianista e compositrice statunitense Suzanne Ciani, pioniera della musica elettronica e del sintetizzatore, come racconta il recente documentario A Life in Waves, ma anche autrice di suoni per celebri pubblicità; il progetto electro-techno Arpanet di Gerald Donald (Drexciya, Dopplereffekt) da Detroit; il maestro di musica ambient Laraaji, autore dell’album “Ambient 3: Day of Radiance” prodotto da Brian Eno, la cui performance è affiancata da un workshop di meditazione yoga.
Come pure il co-fondatore della leggendaria etichetta tedesca Kompakt, Wolfgang Voigt, che presenta un nuovo album dal vivo dopo 17 anni con il suo progetto GAS, unendo minimalismo e romanticismo nell’astrazione di una foresta immaginaria. E ancora, il pioniere della scena dubstep inglese Mala, anche noto come Digital Mystikz, capace di connettere persone di tutto il mondo, da Cuba al Perù, con le basse frequenze; il produttore romano Francesco De Bellis in arte L.U.C.A., artista del mixtape che si muove tra colonne sonore della tradizione italiana e library music; la musicista e artista visuale newyorkese Aurora Halal con la sua techno sognante e futuristica; il trombonista, manipolatore del suono e guru del mastering berlinese Rashad Becker, autore di suoni liquidi e dissonanti sulla PAN di Bill Kouligas.

Tornano a Terraforma Donato Dozzy per uno speciale set ambient mattutino, i paesaggi sognanti di Rawmance, e la vulcanica Paquita Gordon, questa volta in compagnia dell’artista turca Ece Duzgit.

In cartellone figurano anche Dreesvn, duo elettronico tedesco costituito da Dynamo Dreesen e Sven Rieger, il talentuoso produttore techno TJ Herz in arte Objekt, e la cantante Kiki Hitomi (King Midas Sound) che fonde musica reggae con il pop giapponese degli anni Cinquanta.
Completano la line up lo spirito libero di Ron Morelli, titolare della L.I.E.S. che ai piatti non fa distinzioni tra punk e house; il visionario duo artistico KAFR costituito da Rabih Beaini e i Senyawa (Rully Shabara e Wukir Suryadi), dove gli influssi libanesi e indonesiani dei protagonisti dialogano con le più attuali sonorità della ricerca musicale occidentale; le note cinematiche ed evocative della violoncellista canadese Julia Kent; il combo performativo scandinavo Stine Janvin con N.M.O.; il live tra dub e deep house di John Swing con il cantante David Soleil-Mon; i Tropic Disco Sound System con il loro incredibile impianto audio autocostruito e le sonorità giamaicane ad accompagnarlo.

Fin dalla prima edizione Terraforma ha intrapreso, insieme a Fondazione Augusto Rancilio, un percorso di valorizzazione del bosco di Villa Arconati. Con una graduale opera di bonifica e riqualificazione delle aree verdi, sono stati potati alberi secolari, poste in sicurezza zone boschive prima inaccessibili al pubblico e create strutture riutilizzabili per il parco architettonico.
Terraforma sta ultimando, inoltre, la seconda fase di realizzazione del labirinto sul modello originale rinvenuto da alcune incisioni planimetriche della Villa di Marc’Antonio Dal Re risalenti al 1743. La creazione del labirinto in siepi, commissionato al giovane studio di architettura Fosbury e prevista in tre fasi, quest’anno prevede la piantumazione di 300 esemplari di carpino per la configurazione dei due cerchi più esterni. La conclusione dei lavori, nel 2018, porterà altri 250 carpini che formeranno i tre cerchi più interni del labirinto, secondo un percorso che condurrà al suo centro. Come nella precedente edizione del festival, il labirinto sarà comunque vissuto con performance artistiche e tecniche di spazializzazione del suono.

La Red Bull Music Academy ospita una lecture con l’autrice Hanna Bacher in dialogo con Suzanne Ciani, mentre Berlin Community Radio, la web radio che riunisce la comunità creativa e culturale di Berlino, presenta incontri aperti al pubblico con gli artisti Aurora Halal e KAFR.
È previsto un workshop sulla meditazione yoga, Laughter Meditation, tenuto da Laraaji.
Gli artisti e docenti Yuri Ancarani e Riccardo Benassi, inoltre, presentano l’installazione audiovisiva site-specific ZOO, risultato del lavoro degli alunni delle rispettive cattedre alla Naba e all’Accademia Carrara di Belle Arti Bergamo.

Novità nelle giornate di sabato e domenica è Playground, un’area appositamente dedicata ai bambini, con attività e allestimenti per i più piccoli proposti da Parasite2.0, Agreements To Zinedine e Afterschool.

Nella sua accogliente e ombreggiata area di ristoro, Terraforma ospita diverse forme di cucina, in gran parte biologiche, che riservano particolare attenzione alla qualità delle materie prime e alla cura nella trasformazione degli alimenti.

Per approfondimento consultare il sito www.terraformafestival.com.

 

Comments are closed.