Magritte. Il mistero della natura

René Magritte, L'heureux donateur, 1966, Huile sur toile, 55,5 x 45,5 cm, Musée d'Ixelles, Bruxelles, Inv. n. 1307, CR 1050, © ADAGP, Paris 2008

Palazzo Reale di Milano, dal 22 novembre 2008 al 29 marzo 2009, ospita la mostra Magritte. Il mistero della natura, curata da Michel Draguet e Claudia Beltramo Ceppi e dedicata al grande artista belga in occasione del 110° anniversario della sua nascita.
Esposti centodieci dipinti a olio, gouaches e sculture, che ripercorrono la vicenda artistica del maestro del Surrealismo e il suo approccio al tema della Natura.
Le opere provengono da numerosi collezionisti privati e dai Musées royaux des Beaux-Arts del Belgio, la collezione pubblica più importante al mondo di opere di Magritte.
Nel percorso espositivo i visitatori sono accompagnati dai testi dello stesso Magritte, cui viene lasciato il compito di descrivere e commentare la propria opera.

Mistero e natura sono i due termini che definiscono l’universo artistico di René Magritte. Tutti gli intenti dell’artista belga erano pervasi dal mistero, al punto da considerarlo lo strumento più idoneo per mettere in discussione la logica dei luoghi comuni e che lo portava a creare sulla tela degli oggetti di uso comune e a spostarli in un contesto nuovo, insolito, modificando la loro naturalità.
Il ‘mistero’ magrittiano ha conosciuto numerose declinazioni nella sua opera; “in ultima istanza – sottolinea Michel Draguet – non è altro che la natura in ciò che ha di non riconducibile alla cultura. La natura è onnipresente nel suo percorso artistico. Fornendo da un lato una miriade di temi che l’artista esplora e combina a piacere e costituendo d’altro canto la cornice di ogni cosa, il contenitore a partire dal quale si determina ogni forma di conoscenza“.

René Magritte, Souvenir de voyage, c. 1961, Gouache sur papier, 34 x 26 cm, Collection privée, Bruxelles, CR 1497, © ADAGP, Paris 2008

L’esposizione di Palazzo Reale delinea così la statura di uno dei pochi artisti del ‘900 che ha posto la natura al centro della sua ricerca, mettendola in relazione con le caratteristiche e i limiti della vita dell’uomo moderno, con la sua solitudine nell’universo, con i fondamenti e la libertà di pensiero, con l’origine e la credibilità del sapere, con la relazione tra l’esperienza onirica e quella reale. Tutto ciò trova soluzione in un evidente paradosso: la piena coscienza che il mistero è il significato profondo di tutto il reale e la natura il luogo deputato in cui esso si può manifestare.
I personaggi, gli interni, le nature morte dialogano con gli elementi della natura e compongono paesaggi ‘interpretati’, ‘rivisti’, con l’occhio di un lucido e spregiudicato intelletto moderno, sempre presente e sempre attento agli occhi dello spettatore, al punto che alcune delle icone di Magritte sono divenute ormai parte integrante del nostro immaginario collettivo.

Rileggere Magritte e la sua opera attraverso questi due punti fondamentali della sua poetica, permette al visitatore della mostra di riscoprire una cifra stilistica e una continuità espressiva, unitaria in tutta la sua opera.
Il percorso espositivo si muove dai primi, bellissimi e quasi sconosciuti dipinti futuristi, passando attraverso le prime esperienze surrealiste influenzate dalla scoperta di De Chirico e poi attraverso le immagini più oscure del periodo fra le due guerre, fino ai celeberrimi dipinti realizzati dagli anni ’50 in poi. Tra questi, si devono segnalare alcuni capolavori, come Souvenir de voyage del 1961, che rappresenta una mela verde mascherata per il carnevale, o L’heureux donateur che racchiude i motivi ricorrenti della sua visione specifica della natura, o ancora il famoso ‘L’empire des lumières’ con la casa immersa nel buio di un parco sullo sfondo di un cielo azzurro coperto da nuvole bianche.
Per la prima volta, a Palazzo Reale viene, inoltre, esposto un manoscritto originale, contenente un carteggio autografo tra René Magritte e Camille Goemans.

La mostra è organizzata sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica Italiana, con il patrocinio del Ministero degli Affari Esteri, del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, dell’Ambasciata del Belgio; è prodotta dal Comune di Milano – Palazzo Reale, Civita e Giunti Arte, con il contributo di A2A in qualità di main sponsor, e si avvale della prestigiosa collaborazione dei Musées royaux des Beaux-Arts de Belgique e della Fondation Magritte.

Accompagna l’esposizione un catalogo edito da Giunti Arte.