HomeNotizie breviL’Italiano al telefono

L’Italiano al telefono

L’Italiano al telefono è il titolo del convegno, organizzato dall’Accademia della Crusca e dall’Università degli Studi di Firenze, che si terrà venerdì 21 novembre 2008 a Firenze, Villa Medicea di Castello, nell’ambito del programma delle celebrazioni per il bicentenario della nascita di Antonio Meucci.

- Advertisement -

Gli autorevoli relatori che interverranno al convegno si soffermeranno sull’importanza che ha avuto il telefono, come mezzo di comunicazione, nel processo di sviluppo della lingua e della società italiana del Novecento.

All’incontro parteciperanno: Nicoletta Maraschio, Presidente dell’Accademia della Crusca; Franco Angotti, Presidente del Comitato Organizzatore per il Bicentenario della nascita di Antonio Meucci; Enrico del Re, Docente di Elettronica e telecomunicazioni dell’Università di Firenze, che terrà la relazione Il telefono: come una invenzione cambia la vita; Marco Biffi e Vera Gheno (CLIEO – Centro di Linguistica Storica e Teorica dell’Università di Firenze – Accademia della Crusca), che affronteranno il tema dal punto di vista più strettamente linguistico.

Personalità del mondo della cultura e della società civile saranno, poi, impegnate nella lettura di alcune Favole al telefono di Gianni Rodari.  Saranno, infatti, lettori “straordinari”: Silvia Alessandri (Responsabile dei Progetti Culturali della Biblioteca Nazionale di Firenze), Franco Angotti (Prorettore e Docente di Scienza delle costruzioni dell’Università di Firenze), Eleonora Bolletta (Associazione Amici dell’Accademia della Crusca), Caterina Bellandi (Taxi Milano 25), Roberto Comi (Cardiologo) e Claudio Di Benedetto (Direttore della Biblioteca degli Uffizi).
Inoltre, il Maestro Stefano Albarello interpreterà, con liuto, chitarra e voce, alcune famose “musiche telefonate”.

- Advertisement -
- Advertisment -

MUSICA

TELEVISIONE