A Padova la mostra “Il volto dell’Ottocento. Da Canova a Modigliani”

Palazzo Zabarella, a Padova, ospita dal 2 ottobre 2010 al 27 febbraio 2011 la mostra Il volto dell’Ottocento. Da Canova a Modigliani. In esposizione cento ritratti. Nella mostra, che Fondazione Bano e Fondazione Antonveneta propongono, il tema del ritratto vi è analizzato nel senso più esteso, dall’immagine del volto a quella della figura intera, di gruppo, familiare e non, in situazioni ufficiali, mondane o intime. Insomma tutto il caleidoscopio di una società nei vortici di una velocissima, potentissima trasformazione. L’Ottocento visse cambiamenti sociali e politici impensabili che mutarono il mondo e l’uomo. E l’arte li registrò e spesso li anticipò.

Canova e Modigliani sono stati simbolicamente posti da Fernando Mazzocca, Carlo Sisi, Francesco Leone e Maria Vittoria Marini Clarelli, curatori dell’esposizione, a perimetrare l’indagine che essa dipana. L’uno a testimoniare il grande classicismo, il secondo l’irrompere del nuovo.

A dire quanto gli artisti di questo secolo abbiano, forse più che in ogni altro, dovuto misurarsi con l’individuazione di modalità originali nell’arte del ritratto, basti un dato: l’entrata in scena di un mezzo nuovo, concorrenziale e stimolante, la fotografia.

Ciò che la mostra rappresenta è una storia tutta italiana, senza però raccontare una vicenda autarchica. Gli artisti italiani vivono in un ambiente di scambi internazionali, influenzano e sono influenzati, avvertono e si confrontano con le novità, e anche di questo la mostra da conto.