HomeLibriInventari dei manoscritti delle biblioteche d'Italia

Inventari dei manoscritti delle biblioteche d’Italia

Inventari dei manoscritti delle biblioteche d'Italia. Vol. 114. Frammenti ebraici negli Archivi di Cesena, Faenza, Forlì, Imola, Rimini e SpoletoSono catalogati 386 frammenti, ricomponibili in 119 manoscritti ebraici medievali copiati fra il sec. X e il XVI nelle tre principali tradizioni scrittorie dell’Occidente: italiana, sefardita e ashkenazita. Salvati per essere stati riusati come legature, tra essi compare il più antico frammento della Tosefta (sec. X), il Commento sconosciuto ai Salmi e alla Torah di Yosef Qara (secc. XI-XII), testi del Talmud, opere di carattere normativo, liturgico, linguistico, filosofico ed esegetico.

- Advertisement -

The 386 fragments catalogued here can be recomposed in 119 Hebrew manuscripts copied between the 10th and the 16th century in the three main Western writing traditions: Italian, Sephardic and Ashkenazic. They survived for having been re-used as bindings. Among them are the most ancient fragment of the Tosefta (10th century), the unknown Commentary of Yosef Qara to the Psalms (11th-12th century), texts of the Talmud, normative, liturgical, linguistic, philosophical and exegetical works.

Scheda libro

Titolo: Inventari dei manoscritti delle biblioteche d’Italia. Vol. 114. Frammenti ebraici negli Archivi di Cesena, Faenza, Forlì, Imola, Rimini e Spoleto
Editore: Leo S. Olschki
Collana:
Inventari dei manoscritti delle biblioteche d’Italia, vol. 114
Prezzo: € 78,00
Pagine: 184 con 64 figg. n.t. e 16 tavv. f.t. a colori
Anno: 2012

- Advertisement -
- Advertisment -

MUSICA

TELEVISIONE